Russia, rissa choc in radio Stalin: il giornalista manda l'altro al tappeto

Rissa choc in radio:
Due famosi giornalisti russi, entrambi membri del Consiglio Presidenziale per i Diritti Umani della Russia, si sono presi a pugni in faccia nel corso di una diretta radio a Mosca. Nikolai Svanidze e Maxim Shevchenko erano ospiti di Komsomolskaya Pravda per discutere il tema: «Lo stalinismo è una malattia che deve essere curata?».
 

Lo show è stato in parte ispirato alla recente decisione del ministero della Cultura di vietare il film «The Death of Stalin», tradotto in Italia con «Morto Stalin, se ne fa un altro». Verso la fine della trasmissione, Shevchenko ha accusato Svanidze di «sputare sulle tombe dei caduti alle porte di Mosca» durante la Seconda Guerra mondiale.

Svanidze ha risposto chiamando Shevchenko un «bastardo», poi si è alzato in piedi ed è iniziata la scazzottata. Più giovane e significativamente più robusto, Shevchenko ha mandato Svanidze 'al tappeto'. Lo riporta Meduza. I due giornalisti hanno poi fatto le loro scuse agli ascoltatori per il comportamento tenuto durante la trasmissione. 
Mercoledì 31 Gennaio 2018, 10:03 - Ultimo aggiornamento: 31-01-2018 12:18
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP