Nudi in spiaggia in Campania, ecco dove

Vox sul Naturismo
ARTICOLI CORRELATI
di Ilenia De Rosa

  • 234
Nudi in spiaggia: in Campania si può. Chi vuole lasciare a casa costume, abito, pareo per prendere il sole in totale libertà può farlo in angoli appartati, dove gli amanti del «naturismo» sono soliti riunirsi. Si tratta di luoghi dal grande fascino ma difficilmente raggiungibili che, dunque, non rappresentano meta di turismo di massa. Come in tanti affermano, infatti, «è uno stile che va praticato in posti riservati, per evitare imbarazzo tra chi vive tale esperienza e chi no». Quella del «naturismo» è una scelta di vita basata sul concetto di unione tra essere umano e natura che si manifesta attraverso comportamenti quali: alimentazione biologica, pratica di attività sportiva all’aria aperta, la voglia di vivere la nudità in gruppo. 

In Campania un solo luogo è ufficialmente autorizzato: la spiaggia del Troncone, a Marina di Camerota, nell'incantevole scenario del Parco nazionale del Cilento e Vallo di Diano. E' un’ampia fetta di cala Finocchiaro, riservata a chi vuole stare nudo al mare, nascosta da un costone di roccia. 

Ma anche se non ufficialmente riconosciuti, molti, sono gli angoli della costa campana abitualmente frequentati da nudisti. In penisola sorrentina sono due le spiagge diventate nel corso degli anni mete preferite da chi vuole vivere il mare in totale libertà: Tordigliano e i Bagni della Regina Giovanna. La spiaggia di Tordigliano è un angolo di paradiso appartenente al comune di Vico Equense, che si estende sul versante della costiera amalfitana, fatto di ciottoli, racchiuso da imponenti rocce calcaree e bagnato da un mare sempre cristallino. Anche a Sorrento, presso i Bagni della Regina Giovanna, la natura predomina in tutto il suo splendore. Il tratto riservato a chi pratica il naturismo è quello successivo al lido «La Solara», sulla cui scogliera si può stare nudi in totale tranquillità.

Altri luoghi amati dai naturisti sono sulle isole; tra questi gli Scogli di Zaro, a Ischia, nel Comune di Forio. Sono rocce di origine lavica, baciate da un mare trasparente e circondate da un bosco fitto di piante della macchia mediterranea.  A Capri, invece, poco distante da Marina piccola, si trova la spiaggia di via Krupp, ricoperta da un tappeto di ciottoli e immersa in uno scenario mozzafiato. 
Domenica 18 Giugno 2017, 12:32 - Ultimo aggiornamento: 17 Giugno, 08:04
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP