Giornalista del Tg2 minacciata con un pugnale: «Mi ha salvato mia figlia di 7 anni, si è messa a gridare»

Giornalista del Tg2 minacciata con un pugnale:
2
  • 427
Tragedia sfiorata per una giornalista Rai. "Mia figlia e io stiamo vivendo un incubo, non ancora finito". Così racconta su Facebook la giornalista del Tg2 Christiana Ruggeri minacciata ieri mattina con un pugnale, come si legge sull'edizione romana del Corriere della Sera, dall’ex compagno della tata della figlia. L'uomo, un trentenne afgano, regolare in Italia, dopo la tentata aggressione si è dileguato. "Chi proteggerà da questo violento e pericoloso individuo, me e la mia bambina? Ha cercato di ucciderci: non basta? Che venga assicurato alla giustizia", scrive sul social network Ruggeri ancora terrorizzata dall'esperienza vissuta.

"Devo la vita alla mia bambina di sette anni che si è messa a gridare", spiega, nelle dichiarazioni riportate dal Corriere, la giornalista, che ha denunciato i fatti agli agenti del commissariato Fidene-Serpentara a Roma. E racconta: "L’ex compagno della tata di mia figlia si è presentato sotto casa per ucciderci tutte e due". "Mi accusa di aver convinto la tata che ha cresciuto mia figlia a lasciarlo, perché la maltrattava", prosegue la cronista aggiungendo di aver già in passato spiegato all'uomo di non essere responsabile della loro rottura.



Ruggeri racconta poi gli attimi di terrore vissuti: "Dovevo accompagnare mia figlia a scuola, l’ho sistemata sul seggiolino posteriore nell’auto, ero chinata verso di lei per allacciarle la cintura di sicurezza, quando all’improvviso si è messa a urlare guardando dietro di me. 'Ti ammazza, mamma, ti ammazza!'. Giusto il tempo di voltarmi - si legge sul Corriere - e mi sono ritrovata l’ex della tata che brandiva il pugnale e veniva verso di me. Era sbucato da dietro un albero. La lama era almeno di 30 centimetri".

La giornalista è riuscita però a mantenere i nervi saldi. "Ho fatto il giro dalla parte opposta della macchina, sono riuscita a infilarmi dentro e a premere il pulsante della chiusura centralizzata. Ma lui non si è fermato, anzi: ha tentato di sfondare i finestrini, poi il parabrezza". "Ho messo in moto e sono partita, e lui dietro a piedi, per 200 metri, con il pugnale in mano". Ora è "ancora in giro e adesso - conclude - abbiamo davvero paura".

 
Sabato 10 Marzo 2018, 12:25 - Ultimo aggiornamento: 10-03-2018 12:36
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2018-03-10 23:20:16
Stiamo a dire sempre le stesse cose... finquando non si riforma il codice penale e di procedura penale, finquando per un episodio del genere non ci saranno condanne fino a 10 anni, finquando non si costruiranno nuove carceri, finquando questi novelli invasori non saranno rispediti nelle loro patrie galere, finquando imperverseranno buonismo e feticismo ideologico cattocomunismo, non si ricaverà un ragno dal buco...e anche i 5 stelle in materia non si sa che panni vestono..un loro adepto ha detto che in Italia è fondamentale la riforma del processo...civile!
2018-03-10 15:00:51
Un povero migrante...

QUICKMAP