«Siamo tutti stranieri». Alunna si ribella al tema in classe e Meloni la elogia: «Patriota»

«Siamo tutti stranieri». Alunna si ribella al tema in classe e Meloni la elogia: «Patriota»
ARTICOLI CORRELATI
7
  • 1177
«Non siamo tutti stranieri, non sono d'accordo»: così scrive una giovane studentessa di terza media nel tema scolastico proposto dagli insegnanti. Parole che Giorgia Meloni ha voluto riprendere nel suo profilo ufficiale Facebook aprendo un dibattito con i suoi followers. 

Carabiniere aggredito a Roma da ultrà: «Ho fatto il mio dovere». L'Arma lo elogia



«Siamo tutti stranieri» è la traccia sottoposta alla classe. Nel compito da consegnare l'adolescente ha voluto sottolineare il suo patriottismo attirando l'attenzione del leader politico. «Sinceramente io non sono d’accordo con questa affermazione, poiché i confini esistono, le bandiere esistono, l’amore per la Patria esiste», scrive la ragazza.

Giorgia Meloni ha voluto dare spazio all'elaborato sui social definendo l'autrice una "giovane patriota". Nella didascalia della foto dello scritto una domanda retorica: «Che voto le metteranno secondo voi?».
Domenica 16 Dicembre 2018, 17:12 - Ultimo aggiornamento: 16-12-2018 18:16
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 7 commenti presenti
2018-12-17 14:46:18
La Meloni usa anche i ragazzini per fare la sua propaganda a attrarre qualche voto verso il suo misero partitino.
2018-12-17 13:50:41
ti pareva non si intrufolasse la politica? siamo cittadini del mondo, spiegatelo alla bimba, i confini cambiano e sono cambiato nei secoli, resteranno sempre quelli di oggi?
2018-12-17 09:08:38
Ma non si è compreso che 'siamo tutti stranieri' su questa Terra. Nessuno ne è il padrone. Concetto troppo alto forse perché i nostri ragazzi e non solo loro, ci arrivino. Nessuno ha avuto in proprietà nulla. Confini ed affini sono solo delle convenzioni. E per queste convenzioni gli uomini si uccidono da che mondo è mondo. Il bellissimo sentimento di sentirsi cittadini del mondo, per cui giovani di un recente passato ma molti anche del presente si impegnano e si battono, viene offuscato da chi sta seminando odio ed avversione, lucrando sulla paura e sul lavoro. Vorrei far comprendere alla studentessa che il Colosseo o gli Uffizi o Pompei non appartengono solo a noi Italiani, ma al mondo intero. O no?
2018-12-17 10:39:56
ecco un'altra sinistrata...
2018-12-17 08:24:05
Davvero complimenti alla ragazza che nonostante la sua età riesce ad avere una idea sul senso delle parole patria, nazione, stato, bandiera. Spero solo che la scuola pubblica sinistroide non l'abbia penalizzata per il suo pensiero e magari obbligata a cantare "bella ciao" alla recita di natale.

QUICKMAP