Foto a seno nudo: offese e matrimonio in crisi. «Facebook sborsi 50mila euro»

di Roberto Ortolan

0
  • 63
TREVISO - Scatto sexy finisce sui social, senza il consenso dell'interessata, rischiando di far saltare il matrimonio della donna che, consigliata dai legali di Fir (Fondazione italiana consumatori) fa causa a Facebook, sentendosi diffamata, chiedendo 50mila euro di risarcimento. Un caso spinoso che in Italia è quasi una rarità, mentre è più frequente all'estero.

Al centro del caso Angelica, 37 anni, commessa in un supermercato, originaria di Grosseto ma residente a Treviso. Il 20 giugno 2017, da alcuni amici virtuali, veniva informata che qualcuno aveva pubblicato sul suo profilo, a sua insaputa e senza il suo consenso, una foto, scattata anni prima per gioco con le amiche, a seno nudo». Poi il dramma. In solo giorno, un centinaio di commenti virtuali a contenuto offensivo e diffamatorio. Non solo. La crisi coniugale, ora risolta, quando il marito è venuto a sapere della foto. «Pacifica la responsabilità omissiva di Facebook - chiarisce l'avvocato Iannuzzi che assisteva la 37enne in una vertenza sui crediti deteriorati di una banca - nel non rimuovere immediatamente la foto nonostante la richiesta della commessa»...
 
 
Domenica 31 Dicembre 2017, 11:41 - Ultimo aggiornamento: 31-12-2017 12:22
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP