Charlie Sheen e la rivolta delle ex: «Lo denunciamo, ci ha nascosto la sua sieropositività»

Charlie Sheen (anygator.com)
ARTICOLI CORRELATI
di Giacomo Perra

Piove davvero sul bagnato per Charlie Sheen. Non sono passati neanche due giorni dall’ammissione pubblica alla tv americana sulla sua sieropositività che l’attore statunitense si trova a dover affrontare una nuova fastidiosa grana: la rivolta delle ex. Sono numerose infatti le vecchie fiamme con cui il divo californiano avrebbe consumato rapporti sessuali non protetti, dopo la sua scoperta del contagio da Hiv, che ora lo vorrebbero denunciare: precisamente, si tratterebbe di sei donne, che, a sentire i tabloid Usa, avrebbero ormai deciso di rivolgersi a un avvocato e di chiamare in causa l’interprete di “Hot Shots”, che comunque ha ammesso di non aver mai nascosto alle varie partner le proprie condizioni di salute, per frode e per trasmissione colposa di malattia sessuale.







Del gruppo dovrebbe far parte anche l’ex pornostar Bree Olson, che, però, a quanto pare, secondo quanto riferito da Sheen, non dovrebbe essere stata infetta. Minori certezze, invece, hanno altre ragazze, tra cui alcune prostitute pronte a giurare che la star hollywoodiana propose loro una tariffa maggiore al solo scopo di fare sesso senza usare precauzioni, che sarebbero state a letto con lui qualche mese prima del 3 maggio 2011, giorno in cui il divo di Hollywood seppe definitivamente di aver contratto il virus. Tra queste ce n’è una, rimasta anonima, che racconta di avere offerto, come da loro richiesta, a Sheen e alla sua terza moglie Brooke Mueller, tra il 2009 e il 2010, molte escort per prestazioni mercenarie: “Potrebbe aver passato l'Hiv a dozzine di donne".



Tra un pettegolezzo e l’altro, in ogni caso, nella sua intervista alla “Nbc”, l’attore ha cercato di chiarire una volta per tutte il suo comportamento post-diagnosi: “Da quando ho saputo di essere sieropositivo ho avuto rapporti non protetti solo con due persone. Entrambe, informate precedentemente da me sul mio stato, sono state monitorate dal mio medico”. Una di loro è la signora Amanda Bruce, una infermiera che con Sheen avrebbe intrattenuto una importante relazione: “Siamo stati insieme per lungo tempo e andavamo a letto ogni giorno. Inizialmente non ci proteggevamo poi quando la nostra diventò una relazione esclusiva decidemmo di avere rapporti non protetti”.



La Bruce, che afferma di aver lavorato con il medico di Sheen e di essere stata tranquillizzata sui rischi “minimi” del contagio, ha ricordato poi davanti alla telecamere del programma televisivo “The Dr. Oz Show” il momento in cui la stella di “Platoon” le disse di essere sieropositivo: “Eravamo nel suo bagno e lui cominciò a piangere. Mi raccontò tutto e fu molto difficile per lui. Piangemmo insieme e fu molto dolce”.
Sabato 21 Novembre 2015, 14:57 - Ultimo aggiornamento: 19 Novembre, 10:04




QUICKMAP