Il torinese Carlo Pignatelli fa il bis
agli Elle Bridal Award di Barcellona

di Cristina Cennamo

Nella prestigiosa cornice dell’Universitad de Barcelona è andata in scena la seconda edizione degli Elle International Bridal Awards, l’evento 100% wedding dedicato al mondo degli sposi che ha avuto tra i suoi protagonisti – e vincitori – Carlo Pignatelli.

Promosso in collaborazione con Barcelona Bridal Fashion Week - la manifestazione dedicata alla presentazione delle nuove collezioni di abiti da sposa, sposo, cerimonia e accessori - per raccontare tendenze, mood e stili delle nozze e assegnare i premi a chi ha reso il giorno del matrimonio realmente perfetto, la kermesse ha visto come madrina d’eccezione della serata l'attrice spagnola Rossy De Palma, conosciuta anche come «Almodóvar Girl» per aver interpretato diversi ruoli nei film del celebre regista.

Per la seconda volta, lo stilista torinese Carlo Pignatelli ha vinto la Best Groom Collection per la sua collezione dedicata allo sposo tra le 10 categorie in gara (dal miglior wedding planner al miglior abito da sposa), selezionato da una giuria composta dai direttori delle edizioni internazionali di Elle e di celebrities di tutto il mondo, ricevendo il premio proprio da Rossy De Palma e da Eugenio Gallavotti, responsabile di Elle Spose.

 Un altro importante riconoscimento per Carlo Pignatelli che si conferma ancora una volta tra gli interpreti principali del segmento wedding con abiti che riflettono, da sempre, la filosofia del su misura e lo stile unico e inconfondibile da cerimonia della sua Maison. Un premio che si aggiunge ai successi della Maison che quest’anno celebra i suoi 50 Anni di Storia: mezzo secolo di creazioni couture da cerimonia, successi interazionali ma, soprattutto, cinque decadi di moda che si legano alla storia del costume.

 La Collezione Carlo Pignatelli Cerimonia 2018 - premiata come Miglior Collezione Sposo agli Elle International Bridal Awards -  rappresenta un viaggio nell’immaginario creativo della Maison che ripercorre i temi che hanno ispirato il couturier nel corso dei 50 anni della sua carriera e che hanno guidato la creazione di abiti concepiti come opere d’arte: il cinema, il teatro, i personaggi che hanno segnato la storia e il costume, icone di stile e protagonisti di sogni passati, presenti e futuri.
 
Mercoledì 2 Maggio 2018, 23:38
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP