Creme solari, ecco le più innovative

Estate e solari
di Valentina Venturi

E' arrivata l'estate e con lei la necessità di proteggersi dai raggi solari che sebbene diano un colorito bronzeo alla pelle, ne accelerano l'invecchiamento. Da tempo le abitudini di utilizzo sono cambiate: una volta si usavano e miscelavano nivea o birra, oli e pomate per idratare e assumere un colorito biscotto, mentre i protettori erano visti con orrore. Oggi invece si punta a proteggere la pelle e prevenire macchie e rughe.

A Bruxelles, in occasione del ventisettesimo Sun Protection global Summit, è stato annunciato che in Europa, fra i 5 paesi big, gli italiani dimostrano di consumare molti prodotti di protezione, superando i tedeschi ed inglesi. La Francia domina il mercato del sun care con 401 milioni di euro spesi in un anno e l’Italia si piazza al secondo posto con 366 milioni spesi, seguita dall’Inghilterra (280 milioni) e dalla Germania (191 milioni). 

Se in Italia la fetta di mercato più ampia riguarda i prodotti tecnologici, la nuova mania è acquistare in giro per il mondo quelli più ‘artigianali’, magari fatti a km 0: con la complicità di un aereo da prendere (e i conseguenti limiti di ml in valigia) lo shopping solare si farà pure lontano da casa, ma è irrinunciabile. 

Acqua mon amour - hanno finalmente inventato delle formulazioni che, appena vengono a contatto con l’acqua, aumentano l'efficacia invece che disperderla (brevetto Shiseido, wet force)

Filtri minerali - oltre agli oli e spray che schermano le chiome profumandole (Wella Professionals e System Professional), sono in commercio creme colorate con filtri minerali al 100%, da mettere in spiaggia (Skinceuticals).

Dalla birra alla spiaggia - esiste una crema solare con formulazione antimacchia specifica per viso e decolletè all'estratto di Luppolo che inibisce la sintesi della melanina limitando la comparsa di macchie cutanee e iperpigmentazioni localizzate (Comfort Zone).

Voglia di esotismo - La più ambita è la linea St. Barth all’aloe e menta che arriva dai Caraibi francesi e si basa su ricette locali. 

W la foto protezione - La linea solare Rilastil è l’unica documentata come Photo Protection Theory, la teoria della foto protezione verso il danno attinico della pelle: c'è la sicurezza di una protezione dermatologica prima, durante e dopo l’esposizione solare.

Basta uno spray - La novità sono gli Spray Aerosol protettivi con tecnologia upside down dalla texture invisibile. Arricchito con olio di Jojoba e vitamina E, contrasta i radicali liberi donando morbidezza e idratazione (Wycon Cosmetics). 
Mercoledì 21 Giugno 2017, 15:54 - Ultimo aggiornamento: 22-06-2017 09:31
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP