Dior, Maria Grazia Chiuri porta in passerella avventuriere ed esploratrici moderne

di Valentina Venturi

Sessantasei moderne esploratrici. Così le modelle “in viaggio” di Dior, si presentano sfilando nel cortile antistante la Dôme des Invalides, la cappella barocca dove è conservata la tomba di Napoleone. E’ qui che Maria Grazia Chiuri ha scelto di presentare la sfilata della collezione Dior Haute Couture autunno inverno 2017-2018. Alla sua seconda prova nella haute couture per Dior, la Chiuri ha ideato una sfilata di moderne esploratrici, in nome del Mind the Map. 
 
 


Nella prima parte della collezione dominano i grigi, dal carbone al grigio perla, senza trascurare il petrolio e il cenere; grigi i cappotti, gli abiti di chiffon, persino i cappelli homburg di evidente taglio maschile. Di sera prendono il sopravvento le trasparenze, i colori degradano dal nero al rosso, fino al cipria cangiante e al bianco; scollature generose amplificano la femminilità della donna che viaggia, sicura di sé ma che mai trascura la sua indole e la sua consapevole femminilità. 

Immancabile il tailleur T-Bar di Monsieur Dior, splendidamente attualizzato, affiancato dalla tuta da aviatore in pelle e pelliccia, con il tweed (o lana e flanella) che si mescola con le trasparenze del tulle. Da desiderare gli abiti in velluto, come quelli decorati e ricamati con perizia indiscussa. È il trionfo del savoir faire francese. Tra le celebrities accorse c’erano Olivia Palermo, Celine Dion, Jennifer Lawrence, Chiara Ferragni, Karlie Kloss e Elizabeth Olsen, tutte dotate di ventaglio en pendent con l’allestimento.
Martedì 4 Luglio 2017, 13:39 - Ultimo aggiornamento: 05-07-2017 14:11
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP