Truffa su un carico di pere:
due imprenditori a processo

di Nicola Sorrentino

ANGRI. -Un carico di pere comprato a vuoto: la truffa viaggia sulla strada Agro nocerino-Emilia Romagna. A processo sono finiti M.P. di Pagani e S.A. di Angri, titolari della società di Angri Euro Gelo Import export, il primo, oltre che mediatore nell'affare e il secondo, un imprenditore del settore agricolo residente a Voghiera. Oggetto del contendere un carico di pere dal valore di 11mila e 600 euro pagato mediante un titolo bancario "finto", risultato successivamente non solvibile alla verifica del rivenditore, con la successiva denuncia presentata alla procura e l'attuale processo, ora fissato con un decreto della procura

La truffa sarebbe stata consumata il 25 marzo 2016, con la querela sporta dalla parte offesa nel settembre 2016, riferendo quanto accaduto e il danno subito all'autorità giudiziaria, che avviò i riscontri del caso. Dopo un lavoro di intermediazione svolto dal secondo imputato, la cessione con scambio merce-assegno scoperto avvenne ad Angri, col versamento e la chiusura della transazione. L'acquisto della partita di frutta fu concordato preventivamente mediante contatti e organizzazione dei dettagli di consegna e pagamento, col venditore tratto in inganno mediante artifizi e raggiri, fino a prestare fiducia all'occasione commerciale prospettata. I due imputati sono accusati in concorso di truffa
Domenica 13 Maggio 2018, 13:33 - Ultimo aggiornamento: 13-05-2018 13:33
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP