Rimpasto nella segreteria regionale del Pd: debutta Piero De Luca, primogenito del governatore

ARTICOLI CORRELATI
12
  • 2702
Piero De Luca, figlio primogenito del presidente della Regione Campania, Vincenzo de Luca, entra a far parte della segreteria regionale del Pd campano. Lo rende noto un comunicato del partito al termine della segreteria che si è svolta oggi a Napoli: «Nel suo intervento - si legge - la segretaria Assunta Tartaglione ha comunicato di aver provveduto a un'integrazione dell'organismo, con l'ingresso di De Luca jr. La stessa segretaria ha quindi espresso la volontà di condividere questo percorso anche con le altre aree e mozioni nazionali del partito, per ripartire dopo la pausa estiva con nuove energie e affrontare nel migliore dei modi le sfide che attendono il Pd della Campania».

Piero De Luca, 36 anni, prende il posto lasciato vacante dal consigliere regionale dem Gianluca Daniele, che aveva lasciato la segreteria regionale alcuni mesi fa rimanendo però nel Pd. De Luca jr, avvocato e referendario presso la Corte di giustizia europea, comincia quindi a prendere attivamente parte alla vita dei dem campani, anche in vista di una possibile candidatura alle prossime elezioni politiche, di cui si vocifera da tempo. Nel marzo scorso De Luca jr è stato rinviato a giudizio dal tribunale di Salerno con l'accusa di bancarotta fraudolenta nel'ambito del crac della società immobiliare Ifil. Nel corso della riunione, la segreteria regionale del Pd ha anche convocato per il 7 settembre la Direzione regionale, che avrà all'ordine del giorno l'approvazione del regolamento per i congressi provinciali.
Lunedì 7 Agosto 2017, 19:55 - Ultimo aggiornamento: 07-08-2017 21:32
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 12 commenti presenti
2017-08-09 11:49:00
Figlio d'arte, rinviato a giudizio con l'accusa di bancarotta fraudolenta...... che vuoi di più, è il candidato ideale come presidente del consiglio made in pd!
2017-08-08 17:27:39
E poi si meravigliano se stanno perdendo, di anno in anno, voti e consensi !
2017-08-08 16:58:32
in germania, i ministri si dimettono per aver copiato la tesi. in italia, ai rinviati a giudizio, che forse sarà pure un tantino più grave di copiareuna tesi, non gli si dice "forse per ora non è il caso". li si promuove. aspetto de luca alla prima occasione in cui inveirà contro "giustizialisti" e "populisti".
2017-08-08 12:42:16
Ma se uno è bravo, è bravo. (((((:
2017-08-08 10:54:26
Si predica male ma si razzola bene,cittadini di serie a e cittadini di serie b,vedete cosa si fà vendendo fritture,votate e fate votare,tutte le promesse al vento,il feudalesimo qualcuno dice,non ne siamo mai usciti ,la colpa e soltanto del popolo.

QUICKMAP