Salerno, insediato Questore Ficarra
«Questa è una città molto ambita»

«Da oggi mi sento anche io salernitano. Questa città è una sede molto ambita tra i questori, proprio perché è una delle più belle città d'Italia. Finora la conoscevo e apprezzavo solo da turista, adesso la comprenderò anche da questore». A dirlo, il neo questore della provincia di Salerno Maurizio Ficarra che ha incontrato la stampa in mattinata. Ficarra, nato a Palermo nel 1957, tra gli incarichi più rilevanti, ha ricoperto il ruolo di dirigente della Polizia di Frontiera aerea dell'aeroporto Punta Raisi, ha ricoperto poi l'incarico di vice dirigente dell'Ispettorato generale di pubblica sicurezza della Camera dei deputati a Roma, dirigente della Divisione Anticrimine di Agrigento, dirigente Digos di Palermo e vice questore vicario di Messina. Ha ricoperto anche l'incarico di Questore della provincia di Avellino e Questore di Sassari. Ha assunto l'incarico di Questore di Salerno nella giornata di ieri.

«Nulla - ha specificato -sarà lasciato per strada. Partendo da una scala di priorità, cercheremo di realizzare prima gli interventi urgenti e poi quelli che si potranno gestire con più calma. Mi ritengo - ha aggiunto - un funzionario fortunato perché ho iniziato da agente, passando per tutti i gradi, ricoprendo svariati ruoli e girando in molti territori italiani. Sulla base dell'esperienza che ho maturato in altre regioni e sedi italiane, porterò queste mie conoscenze mettendole a beneficio del lavoro della Questura di Salerno».

Sulla criminalità organizzata nelle aree della Piana del Sele e dell'Agro Nocerino-Sarnese, ha spiegato che «ci impegneremo al massimo. Per quanto riguarda la lotta alla criminalità organizzata, la polizia giudiziaria dipende funzionalmente dall'autorità giudiziaria, ma il compito del questore è quello di porre la propria struttura nelle migliori condizioni possibili. Poi sarà stretto il rapporto con l'autorità giudiziaria che mi darà anche i suggerimenti o le richieste su come potenziare o impiegare la struttura in un modo o in un altro, fermo restando che il merito del lavoro dipende dall'autorità giudiziaria. Salerno, così come Avellino, sono due città che - rispetto ad altre - possono stare non dico tranquille, dal momento che non si può mai stare tranquilli, specie anche in Campania, ma moderatamente tranquilli. Faremo il possibile affinché nella classifica della qualità della vita, soprattutto dal punto di vista dell'ordine pubblico, Salerno possa scalare delle posizioni e arrivare più in alto possibile».

ul sistema di videosorveglianza che si sta mettendo a punto in città, il questore ha ribadito che «spesso il 60,70% di reati si possono risolvere oltre che con la collaborazione della collettività, proprio con l'aiuto della videosorveglianza».
Venerdì 13 Aprile 2018, 12:54
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP