Roberto De Luca torna in campo:
«Ripartiamo ma in veste civica»

di Carmen Incisivo

Giacca blu e camicia chiara, senza cravatta, sorriso sulle labbra quando si rivolge alla platea e un pizzico di ironico imbarazzo davanti a microfoni e taccuini. È l’istantanea del ritorno sulla scena pubblica di Roberto De Luca, secondogenito del governatore Vincenzo, dopo mesi di lontananza da palchi, platee e tavoli istituzionali. «Ripartiamo da dove ci eravamo lasciati – esordisce brevemente prima di tuffarsi a capofitto in un’analisi quantitativa dei dati che riguardano il turismo a Salerno città e non solo – ci ritroviamo in veste “civica” e riprendiamo il filo del discorso che avevamo avviato in altri ambiti, come la fiera di Rimini, confrontandoci sui dati e sulle possibilità che ha il nostro territorio».

L’ex assessore al bilancio al Comune di Salerno si era allontanato dalla vita politica nello scorso mese di marzo autosospendendosi dalla carica istituzionale che rivestiva, in attesa di dimostrare la sua totale estraneità ai fatti cui era stato associato alla vigilia delle scorse politiche dopo un’inchiesta di Fanpage. Torna a parlare in pubblico di turismo, uno dei temi per cui si era speso ancor prima di diventare assessore e che successivamente lo aveva visto impegnato per conto del sindaco Enzo Napoli. 

«Un’occasione – spiega De Luca – per fornire qualche dato e dare un po’ di idee e spunti, senza presunzione e provando a essere realmente concreti». Concretezza che il secondogenito del presidente testimonierà attraverso la nascita di un comitato scientifico che si occuperà solo di turismo.
Martedì 12 Giugno 2018, 06:40 - Ultimo aggiornamento: 12-06-2018 07:17
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP