Operata, si sveglia dall’anestesia
e parla inglese: choc in ospedale

L'ospedale di Eboli
di Francesco Faenza

3
  • 12976
EBOLI - L’intervento era banale, un’operazione al naso, senza rischi per la paziente. Quando la donna si è risvegliata dall’anestesia, però, è accaduto un fatto singolare. La paziente non parlava più in italiano ma solo in inglese. Nata a Battipaglia e residente a Campagna, la signora di 27 anni rispondeva alle domande dei medici in lingua straniera. A ogni domanda banale: «Signora come si sente?», arrivava una risposta in inglese. Cartella clinica alla mano, la paziente risultava italiana. I medici che avevano parlato con lei, prima dell’intervento, hanno confermato che la donna non era straniera.
 
 

In sala operatoria hanno pensato a uno scherzo. Poi i sorrisi sono scomparsi. Sul volto dei medici è apparsa una smorfia di preoccupazione. Cosa diavolo sta succedendo? Perché la paziente parla in inglese? C’è qualcuno che la capisce, che sa spiegare cosa è accaduto? La paura di un errore medico è aleggiata a lungo. Il terrore di una causa legale si è fatto sempre più concreto. Danno neurologico? Anestesia sbagliata? Farmaco somministrato in dose esagerata? Le ipotesi si sono rincorse, ma della soluzione, nessuna traccia.

I medici si sono crogiolati, sfogliando tutta la rosa degli errori possibili. Il caso un mistero era e un mistero è rimasto. A confondere le idee dei camici bianchi, tra l’altro, era la donna che continuava a parlare in inglese. Solo in inglese. Ha ripetuto frasi incomprensibili per un’ora, per l’ora successiva e per altri sessanta minuti. Lo scenario da torre di Babele è proseguito tra risate trattenute e indignazione professionale. I sanitari hanno chiesto l’intervento di un neurologo. Lo specialista ha ipotizzato una diagnosi, senza rassicurare i colleghi. Il cambio linguistico della paziente è rimasto un mistero per i medici del reparto di otorino e il neurologo sopraggiunto in affannosa soccorso. Il caso senza precedenti si è risolto da solo.
 

Dopo tre ore di rompicapi sanitari e di timori di citazioni in giudizio, la donna ha cambiato lingua, riprendendo a parlare in italiano, in maniera naturale. Stupita lei, più dei medici, per quello che era successo. Ha raccontato di essere iscritta all’università, di essere appassionata alla lingua inglese, di insegnarla ai ragazzini del suo quartiere, per qualche ripetizione privata. Ma il mistero post operatorio non è stato risolto. 
Venerdì 22 Settembre 2017, 07:50 - Ultimo aggiornamento: 22-09-2017 20:12
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
3 di 3 commenti presenti
2017-09-26 08:42:01
Io conosco un sacco di gente che parla un altro incomprensibile linguaggio e senza aver avuto alcuna anestesia.
2017-09-23 10:18:38
Giuseppe1981 pensa se al risveglio avresti cominciato a parlare l'acerrano antico e avresti continuato cosi sempre
2017-09-22 21:48:31
5 anni fa mi e’ capitata la stessa cosa a me. Premetto che all’epoca il mio livello di inglese era buono, all’epoca fui sottoposto ad un intervento di rinoplastica e quando mi svegliai dall’ anestesia anche io cominciai a parlare in inglese, i dottori mi facero delle domande in italiano ed io rispondevo solo in inglese. Dopo qualche ora ricominciai a parlare in italiano, ma non ricordo niente di qunto fosse accaduto. Misteri della medicina.

QUICKMAP