Omicidio Vassallo, il grido della famiglia: «Killer protetto»

ARTICOLI CORRELATI
di Gigi Di Fiore

  • 95
Quasi se l'aspettavano. Sette anni e cinque mesi di attese, speranze, impegno nel tenere vivo il ricordo del fratello Angelo Vassallo, ma anche il timore che un'indagine a ostacoli potesse concludersi senza arrivare a conclusioni certe. Dario e Massimo Vassallo sono i fratelli del «sindaco pescatore», ucciso il 5 settembre del 2010 con nove colpi di pistola da una mano che, per ora, resterà ignota. Vivono a Roma, Dario ha creato una fondazione per tenere vivo il ricordo del fratello e, per tre anni, ogni 5 settembre...
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Venerdì 19 Gennaio 2018, 08:38 - Ultimo aggiornamento: 19-01-2018 09:40
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP