Nel Cilento il raduno regionale della Protezione civile

di Carmela Santi

Si terrà a Vallo della Lucania, domenica 26 novembre, il nono raduno regionale della Protezione Civile. Una giornata ricca di eventi ma soprattutto di riconoscimenti. 
Sarà infatti inaugurata la base operativa distaccata del Gruppo Lucano e della colonna mobile. Continuano quindi gli impegni per i volontari cilentani ed in particolar e il gruppo di Vallo della Lucania che, dopo aver partecipato alla grande esercitazione annuale Cam.Bas.Cal. , vede ora potenziata la propria infrastruttura. Un altro tassello di un piano più ampio concertato con l'Agenzia delle Nazioni Unite per la Resilienza (ONU) che attualmente sta promuovendo l'operato del Gruppo Lucano a livello internazionale.

"Vallo rappresenta il centro di un comprensorio molto piu ampio e potrebbe ritagliarsi un ruolo da capofila sulle politiche sulla sicurezza e di resilienza che sono tipiche del sistema di Protezione Civile - a Parlare è Giuseppe Priore, presidente del Gruppo Lucano -. Si tratta di un riconoscimento a tutti i volontari cilentani che fanno parte del sistema del Gruppo Lucano che da oltre 10 anni sono all'interno dell'organizzazione e che ci hanno permesso di compiere un passo in avanti significativo nel corso degli ultimi anni". Quella di Vallo della Lucania sarà infatti la terza base operativa del Gruppo Lucano, dopo della di Viggiano e Roseto Capo Spulico, e ospiterà la terza parte della colonna mobile "Uno strumento operativo di vasta area che opera su tutto il territorio nazionale, un sistema di automezzi e strumenti che consentono di dare risposta immediata in caso di calamità - commenta Priore  -." In particolare tutta l'assistenza logistica che deve essere garantita alle popolazioni colpite da eventi calamitosi permettendoci di dare assistenza logistica immediata  ad una popolazione dalle 500 alle 1000 persone".
Martedì 14 Novembre 2017, 19:14 - Ultimo aggiornamento: 14-11-2017 19:14
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP