Il maltempo arriva in Campania:
16 famiglie evacuate, è allerta
piogge, frane e colate fango

ARTICOLI CORRELATI
1
  • 300
Dopo la tragedia in Toscana, con sette morti e un disperso a Livorno, e i temporali nel Lazio con pesanti disagi in particolare a Roma, il maltempo arriva in Campania. È stata estesa a tutta la regione e prorogata di ulteriori 24 ore l'allerta meteo della protezione civile regionale di colore arancione già scattata ieri. Nel salernitano sono state evacuate 16 famiglie e chiuse le scuole per precauzione. Scuole chiuse in alcuni comuni, anche nel Napoletano.

Il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca ha disposto il monitoraggio costante dell'evolversi della situazione maltempo e l'attivazione di tutti i protocolli previsti in vista delle perturbazioni: è in costante contatto con la Protezione civile regionale.

La perturbazione al momento sta interessando il centro Italia e quindi riguarda prima la Campania del nord: la Piana campana, il Casertano, l'Alto Volturno e il Matese. Poi si estenderà alla provincia di Napoli, al capoluogo partenopeo, alla penisola sorrentino-amalfitana, Monti di Sarno e Monti Picentini (su Alta Irpinia e Sannio, Tusciano e Alto Sele l'allerta è, al momento, di colore giallo). 

Dalle 22 di stasera scatterà l'allerta arancione in tutte le zone. «Nelle zone di allerta sono possibili frane e colate,  rapide di fango o di detriti, significativi ruscellamenti con trasporto di materiale, voragini e fonemeni di erosione», si legge nel bollettino della protezione civile. Che aggiunge: «Previsto anche un innalzamento dei livelli idrometrici dei corsi d'acqua minori, con fenomeni di inondazione delle aree limitrofe, anche per effetto di criticità locali (come, ad esempio, tombature, restringimenti). Si segnala anche una possibile caduta massi in più punti del territorio».

Intanto, il sindaco di Cava de' Tirreni, Vincenzo Servalli, ha disposto la chiusura di tutte le scuole cittadine per domani 11 settembre e l'evacuazione di 16 famiglie residenti in località San Felice sul versante nordest del territorio comunale. Per loro è stato allestito un ricovero provvisorio nella scuola media «Balzico», nella frazione di Santa Lucia. È previste anche un monitoraggio delle strade cittadine con presidi di polizia locale e personale della protezione civile. Scuole chiuse e rischio smottamenti segnalato anche dal sindaco di Sarno, che ha firmato un'ordinanza.
 
 


Nei centri urbani la Regione raccomanda attenzione alla «corretta tenuta del sistema fognario e di smaltimento delle acque reflue». Inoltre, «particolare attenzione va posta poi a tutte le aree e i versanti del territorio che presentano fragilità aggravata anche dai recenti incendi. È possibile, infatti, che si verifichi il trasporto a valle dei materiali prodotti dalla combustione».

La Protezione civile regionale invita anche a tenere d'occhio le zone depresse del territorio e con condizioni idrogeologiche particolarmente fragili per la ridotta capacità di assorbimento delle piogge, a causa degli effetti dovuti ai numerosi incendi boschivi che hanno interessato il territorio. Da qui l'invito agli enti a prendere tutte le misure necessarie «verificare la corretta tenuta delle strutture esposte alle oscillazioni dei venti e al moto ondoso: i venti, in particolare sulla costa, saranno forti con raffiche nei temporali».

Disagi nei trasporti. «Circolazione fortemente rallentata su alcune linee regionali a causa del maltempo che sta interessando il Lazio. In particolare: dalle 11.40 rallentamenti fino a 30 minuti sulla linea Roma - Fiumicino Aeroporto; dalle 12 circolazione sospesa fra Ciampino e i Castelli Romani, sulla linea FL4, Roma -Velletri/Albano/Frascati); dalle 13.00 circolazione sospesa fra le stazioni di Nettuno ed Aprilia, sulla linea FL8, Roma - Nettuno; dalle 14.30 circolazione sospesa su un solo binario fra Latina e Cisterna, sulla linea FL7 Roma -Formia-Napoli. Traffico regolare, invece, sulla rete Alta Velocità. Le squadre tecniche di Rete Ferroviaria Italiana sono al lavoro per ripristinare il regolare funzionamento delle infrastrutture». Lo comunica, in una nota, Ferrovie dello Stato.


 
Domenica 10 Settembre 2017, 14:52 - Ultimo aggiornamento: 11-09-2017 08:37
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2017-09-10 16:41:38
dopo la prova del fuoco ora ci aspetta quella dell'acqua e poi ....quella della neve.....e quella del cuoco??...forse!!

QUICKMAP