Fiamme su Monte Sant'Angelo:
a rischio la «Festa del Vino»

di Nicola Sorrentino

TRAMONTI. La «Festa del Vino» minacciata da fiamme e focolai. Hanno trascorso ore di gioia ma anche di angoscia le tante persone accorse ieri sera, nella frazione di Gete a Tramonti, per partecipare alla celebre sagra che si tiene ormai a cadenza annuale. Il terribile incendio che da giorni sta bruciando Monte Sant'Angelo a Cava de' Tirreni si è propagato fino a raggiungere il versante di Tramonti. Alcuni cacciatori della zona hanno cercato infatti di evitare la discesa a valle delle fiamme, che minacciavano abitazioni e vigneti. Ad intervenire anche i volontari della protezione civile di Maiori e di Amalfi. Questa mattina, invece, un canadair si è alzato in volo alle 10 per domare le lingue di fuoco, ben visibili per tutta la notte.

Ieri sera gli organizzatori della sagra hanno raggiunto i volontari sulle montagne di Tramonti per dare una mano, facendo in modo che le lingue di fuoco, sempre più pericolose, arrivassero a valle. Un rischio e sacrificio enorme, quello corso dalle tante persone che hanno voluto dare il proprio contributo in quella che sembra essere un'estate maledetta per la provincia di Salerno. A valle, intanto, le persone degustavano prodotti tipici locali, sorseggiando del buon vino. Il cuore della festa è stato però sotto la minaccia di quelle lingue di fuoco che crescevano sempre di più, a causa anche di un leggero vento. Non sono mancate polemiche per il fatto che lo stesso incendio, così distante e in diversi giorni, sia arrivato ad interessare il tratto collinare di Tramonti
Sabato 12 Agosto 2017, 13:15 - Ultimo aggiornamento: 12-08-2017 13:15
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP