Il suocero s'intromette in una lite tra moglie e marito, lui gli incendia l'auto

di Nicola Sorrentino

ROCCAPIEMONTE - Botte alla moglie, ma anche persecuzioni, minacce di morte e atti ritorsivi. C'è un pò di tutto nella richiesta di giudizio immediato a firma della procura verso un giovane di 29 anni, arrestato il 28 agosto scorso. Il ragazzo risponde di diverse accuse: la prima verso la moglie, maltrattamenti. Un rapporto, quello dei due, che sarebbe peggiorato con il passare tempo e con la donna nel ruolo di vittima a subire le angherie del giovane marito. In un'occasione, il ragazzo arrivò ad incendiare persino l'auto del padre di lei, che ebbe la sola e unica colpa di essersi intromesso nella relazione con la sua donna. In più casi, la stessa veniva percossa con pugni, schiaffi e calci per strada. Questo nel 2012, a Roccapiemonte. Violando gli arresti domiciliari per continuare quelle persecuzioni, il ragazzo fu beccato poco prima del suo arresto anche con oggetti utili ad offendere, quali un coltello e una catena di metallo. I carabinieri lo arrestarono poco prima che arrivasse dalla moglie
Martedì 5 Dicembre 2017, 20:52 - Ultimo aggiornamento: 05-12-2017 20:52
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP