Inaugurato il nuovo micro nido comunale
Le mamme chiedono al sindaco più sicurezza per i bambini

L'asilo inaugurato con i termosifoni scoperti
di Francesco Faenza

Eboli - C'era il sindaco, al taglio del nastro del micronido al rione Pescara. C'erano i bambini, le maestre, i dirigenti e la torta. In prima fila anche il mondo politico, con due assessori (Lenza e Manzione) e un consigliere comunale di maggioranza (Merola). Tante belle parole, tanti complimenti reciproci. Entusiasmo alle stelle per una scuola di periferia recuperata e rimessa a nuovo, pronta per ospitare 20 bambini tra i 12 mesi di età e i due anni di vita. 
Nell'asilo nuovo di zecca, però, alcune mamme hanno notato che i termosifoni non sono protetti.
Nessuno tra i politici giulivi e le insegnanti festanti, si èaccorto di un rischio evidente. Uno dei venti bambini dai 13 ai 36 mesi, potrebbe ruzzolare (è l'età delle cadute facili) è sbattere contro i termosifoni.
Nei prossimi giorni il sindaco Cariello sicuramente eviterà incidenti del genere che, al Comune super indebitato e spesso sconfitto in tribunale, costerebbero cause civili a molti zero.


La prima risposta di Cariello non è stata delle  migliori: "basta polemiche, abbiamo recuperato una struttura in pessime condizioni da 30 anni". Dopo gli applausi, le mamme vorrebbero sapere quando metteranno in sicurezza le aule al rione Pescara...signor sindaco? "Devo andare a prendere mia figlia all'asilo, arrivederci".
La speranza delle mamme di periferia è che anche nell'ex 167, come accade nelle scuole in centro, vengono adottate le misure di sicurezza più banali, come la copertura dei termosifoni.
Piccoli accorgimenti che potrebbero evitare danni enormi. 
Giovedì 12 Ottobre 2017, 18:29 - Ultimo aggiornamento: 12-10-2017 18:29
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP