Centinaia di telefonate alla ex per minacciarla
ragazzo palestinese a processo per stalking

di Nicola Sorrentino

SCAFATI. Una storia sentimentale come tante, con un epilogo che a sua volta diventa un classico: rottura del rapporto e atteggiamenti persecutori da parte di lui. Con l'accusa di stalking finisce ora a processo un ragazzo palestinese di 30 anni. La vittima la sua ex fidanzata, 26enne, di Scafati. Stando alle indagini condotte dai carabinieri della tenenza, dopo la conclusione della loro storia, il ragazzo non aveva accettato la decisione di lei di lasciarlo, né era riuscito a trovare dei motivi validi, nella sua testa, che lo rendessero tranquillo. Fu allora che cominciò a mettere in atto comportamenti irrispettosi nei confronti della sua ex, mettendola al centro di rivendicazioni, offese e minacce. Fino a guadagnarsi una denuncia per stalking, ora culminata nell’iter giudiziario fino al processo, fissato davanti al Tribunale monocratico di Nocera Inferiore. Il trentenne è accusato di aver fatto, da maggio ad agosto del 2013, centinaia di telefonate alla ragazza scafatese, a qualunque ora del giorno e della notte, con offese e intimidazioni, minacce e rivendicazioni di ogni tipo. Atteggiamenti che alterarono le normale abitudini di vita della ragazza e quelle della sua stessa famiglia. Fino alla denuncia, con un provvedimento straordinario del giudice ad allontare il ragazzo dalla sua vittima. Il processo comincerà il prossimo 16 ottobre
Martedì 7 Agosto 2018, 15:06
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP