Campania, temperature in calo: piogge e nubifragi in arrivo

ARTICOLI CORRELATI
1
  • 310
Il primo ciclone di stampo autunnale è pronto per colpire l'Italia. ILMeteo.it avvisa che nel corso di oggi le piogge arriveranno anche al Sud, allentando la morsa della siccità. Nel weekend il tempo peggiorerà fortemente dalle Alpi, Prealpi e alte pianure verso tutto il Nord e il Centro. Sabato, condizioni di maltempo diffuso su Piemonte, Lombardia, Liguria, Trentino alto Adige, Emilia occidentale e con temporali e piogge intense. Possibili nubifragi su Lombardia e Liguria.

Si sposterà sul sud della regione, da stanotte, la perturbazione che sta interessando la Campania. Dalla mezzanotte, infatti, scatterà l'allerta della Protezione civile per le zone dell'Alto e Basso Cilento e per la Piana del Sele. Le precipitazioni locali, si legge in una nota, potranno avere anche carattere di rovescio o temporale e i venti spireranno moderati dai quadranti occidentali con possibili raffiche nei temporali. Per questo, il Centro Funzionale ha valutato una criticità idrogeologica di colore Giallo. Si segnalano possibili, occasionali, fenomeni franosi legati a una ridotta capacità di assorbimento e smaltimento degli afflussi meteorici, a causa degli effetti indotti dai numerosi incendi boschivi. Permane, per l'intera giornata, l'allerta meteo Gialla già diffusa ieri dalla Sala Operativa regionale.

Domenica il maltempo si estenderà diffusamente al resto del Nord, alla Toscana, al Lazio, all'Umbria, alla Sardegna, mentre inizierà lentamente a migliorare al Nordovest. Piogge abbondantissime e nubifragi sono attesi su Veneto, Friuli Venezia Giulia, Toscana e Lazio. Nubifragio possibile a Roma, Firenze, Siena, Grosseto, Treviso, Udine, Venezia, Gorizia, Trieste, Frusinate.

Antonio Sanò, direttore e fondatore de LMeteo.it avvisa che lunedì lo spostamento del ciclone verso l'Adriatico porterà ancora tantissima pioggia sul Lazio, ma anche su Sicilia, Campania e ancora nubifragi sul Friuli Venezia Giulia e Veneto. Si invita dunque a prestare attenzione a possibili frane, smottamenti del terreno, allagamenti e piene improvvise di qualche fiume o torrente.

 
Venerdì 8 Settembre 2017, 09:26 - Ultimo aggiornamento: 08-09-2017 14:58
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2017-09-08 18:12:08
Far scattare lo stato di allerta ci libera dalle angosce di vari pericoli o ne libera solo le istituzioni? É una domanda

QUICKMAP