Ratzinger, 5 anni fa le storiche dimissioni: si apriva la fase del pre-conclave

di Franca Giansoldati

Città del Vaticano – La Chiesa è cambiata. Cinque anni fa, il 28 febbraio del 2013, il Papa emerito Joseph Ratzinger saliva su un elicottero per abbandonare definitivamente il Palazzo Apostolico e ritirarsi in silenzio e preghiera a Castel Gandolfo. Due settimane prima aveva annunciato al mondo le proprie dimissioni. Le sue forze non gli consentivano più di governare come avrebbe voluto una Chiesa squassata da scandali, inchieste, veleni. Problemi complessi che aveva messo a fuoco con chiarezza ed erano stati al centro di una indagine affidata a tre cardinali di fiducia. Per la complessità che la soluzione richiesta avrebbe comportato maturò il passo definitivo delle dimissioni, lasciando ad un conclave il compito di scegliere un successore.

Subito dopo la rinuncia al papato, l'11 febbraio, aveva stabilito che il suo ultimo giorno come Vescovo di Roma e Successore di Pietro nonché Vicario di Cristo sarebbe stato il 28 febbraio. In concreto, stabilì che avrebbe smesso di essere il Papa alle ore 20, momento in cui la chiusura delle porte del Palazzo apostolico di Castel Gandolfo avrebbe segnato l'inizio della Sede vacante. Da quel momento si aprirono le fasi del pre conclave fino al 13 marzo, giorno dell'elezione di Papa Francesco.

Cinque anni fa Benedetto XVI prima di salutare cardinali, vescovi, inservienti e collaboratori, e salire a bordo dell'elicottero, rivolse due discorsi a braccio. «Cari amici, sono felice di essere con voi, circondato dalla bellezza del creato e dalla vostra simpatia che mi fa molto bene. Grazie per la vostra amicizia, il vostro affetto. Voi sapete che questo mio giorno è diverso da quelli precedenti; non sono più Sommo Pontefice della Chiesa cattolica: fino alle otto di sera lo sarò ancora, poi non più. Sono semplicemente un pellegrino che inizia l’ultima tappa del suo pellegrinaggio in questa terra». Ai cardinali, invece, disse che avrebbe continuato a seguirli nella preghiera che avrebbe promesso la sua incondizionata reverenza ed obbedienza al futuro Papa.

Il Papa emerito dopo l'elezione di Francesco ha continuato a vivere ancora per qualche mese a Castel Gandolfo in attesa che fosse terminato il suo appartamento sul colle vaticano in un ex convento dove vive assieme a don Georg Gaenswein e alle Memores Domini che lo accudiscono. Di tanto arriva dalla Baviera, per trascorrere con lui lunghi periodi con lui, il fratello don Georg. Nonostante l'età avanzata Ratzinger dimostra di avere una fibra forte e resistente. Anche se cammina ormai con difficoltà, grazie ad un girello, si concede ogni giorno una passeggiata nei giardini vaticani fino ad arrivare davanti alla Madonna di Lourdes dove rimane in preghiera per parecchio. Quasi ogni giorno ad aspettarlo lassù ci sono gruppi di fedeli ammessi a un piccolo saluto dopo la preghiera e con i quali Ratzinger si intrattiene a chiacchierare con entusiasmo. Recentemente erano circolate voci su una malattia ma sono state smentite con forza dal suo entourage. 
Mercoledì 28 Febbraio 2018, 09:23 - Ultimo aggiornamento: 28-02-2018 15:56
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2018-02-28 12:10:22
Questa mia lirica - dopo "Il Valzer di Wojtyla"--- " Il Tango di Francesco", che era stata da me scritta subito dopo questa ultima e a differenza delle precedenti già musicate e messe su Fasbook, è in via di composizione musicale. Due anni fa è stata da me inviata al papa Ratciger , che avendone molto apprezzato il pensiero e la lirica mi ha risposto cordialmente. Non so quanto possa interessarvi, ma di seguito , ve ne allego copia. Cordialmente Ettore Gasperini De Orange.,,IL TANGOVALS DI RATZINGER" Dae libri 1970 e 2014 quattru lirìche qauttro Papi al Suntuario Di Nostra Signora Di Bonaria a Cagliari in Sardegna Sino a Buenos Abes in Argenrina in"Un Abbraccio Per La Pacett con rre antiche reliquie gìunte dal maru Progetti, Testi, Musiche, Chanzonnier-Ettore De Gasparin De San Pietre De Orange(l400), Autore, Editore Dalla Germania a Roma e dopo tempo passato in Vaticano Richiamato DaIIa guerra obbligato mistico di cultura e musica il tuo credo formato Di indispensabile transizione Papa unico di pensiero rivelato organtzzato In San Pietro a Divino sommessamente e finemente sei stato insediato Può sembrare strano non mi sia sfuggito il Tuo pur singolare apostolato Fatto di puntuali gesti momenti i segni evidenti di un percorso tracciato Tu più non pensavi che adesso una bell'Ode Ti avrei cantato Pur se così l'avanzata Divina mia lirica ci aveva accomunato Dopo il mio canto a Wojtyla pensavi che il tempo fosse passato Con Francesco di Te mi fossi così disinteressatamente scordato A Giovanni Paolo hai tenuto aiuti segreti di diverso pontificato Di Francesco coi Cardinali la bella saggia strada hai Spianato Molto più Tedesco della Germania coerente Ti sei così rivelato Stratega colto dalla Sorte Divinamente proiettato nell' operato Ad arginare quanto il tempo nella Chiesa ha così fortemente ossidato Fra un "Yàlzer" un ttTango" un*Tangovùlz" Eloquente Ti ho dedicato Per esaltare il tuo eccellente non a tutti chiarito speciale Pontificato E di un Trio Divino raccontare al mondo distratto di fede assettato Ora Ti prego a meditare sul fatto che per Divino da tempo siamo in contatto Che la Chiesa può aggiungere un brillante di fede al suo owio giusto operato La Grande Basilica di Cagliari ha un primato nel Mondo a tutti da noi rivelato Centro fra Mari e Cieli e tre continenti Sublime Mariana Sorgente di Apostolato Daci il tuo tempo ad aiutare a divulgare gli eventi al mondo di quanto attestato Col Cardinale Ruini sul libro di Antioco Di Bonaria si d'immagine hai suggellato Come loro Pellegrino a Bonaria per noi un di Tu sei arrivato Da Lei che dalla Sardegna Cieli e Mari da sempre ha tutelato Di mio Credo con Alberti hai commentato detto e anallzzato Grande Madre col Pilota e Marinaio nostra famiglia ha donato Tra Cagliari e Argentina Storia da nostro libro al Mondo rivelato A Buenos Aires e a vedticinque città il nome Divino ha dispensato Molto conforto a chi piange dal Sacro Sagrato così se va divulgato Dal quattordicesimo colle incantato la Grande Madre ha donato Il non udire it pianto che da Mari e dei Cieli pei venti aiuto a Divina invocato Patrona Massima con Santo Antioco in Sardegna Santuari gli hanno edificato Dice Nostro antico dipinto nei tibri di secondo evento da nostra madre annunciato Seconda immagine Divina firmata in Sardegna dalla Spagna lascia esterrefatto Ettore De Gasparin De San Pietre De Orange Franco, Savoiardo, Piemontese, Spagnolo, Corso- Sardo -- Cagliari, 27 ,28 Settembre 2013

QUICKMAP