Pedopornografia nella chiesa, summit alla Gregoriana: sul Vaticano pesa il caso Capella

di Franca Giansoldati

2
  • 12
Città del Vaticano - Per ironia della sorte mentre alla Gregoriana si è aperto alla presenza del cardinale Pietro Parolin, un summit internazionale per discutere di come proteggere i bambini dai predatori che ogni giorno si scambiano in rete milioni di immagini di minori abusati, il Papa a Santa Marta da giorni è alle prese con un caso tanto imbarazzante, quanto ingombrante: un monsignore italiano ricercato in Canada per lo scambio di materiale pedo-pornografico ma al momento al sicuro in Vaticano grazie all’immunità diplomatica. Inutile dire che di questo caso nessuno vuole parlare. Un muro di gomma.

Il cardinale Parolin braccato dai cronisti si è limitato a dire che si tratta «di una vicenda dolorosissima, una prova grande per tutti quelli che sono coinvolti». Nei giorni scorsi il Canada ha spiccato un mandato di cattura dopo avere accertato che monsignor Carlo Alberto Capella, 51 anni - questo il nome del diplomatico indagato per pedopornografia - aveva scaricato del materiale porno da uno dei computer di una parrocchia canadese che lo ospitava per le vacanze di Natale l’anno scorso, durante il periodo 24-27 dicembre. Le stesse accuse gli sono state mosse anche dagli Stati Uniti, dove Capella fino ad agosto lavorava alla nunziatura di Washington. La Segreteria di Stato, però, invece che affrontare la questione, all’insegna della totale trasparenza, alle autorità statunitensi, ha scelto di ricorrere alla prerogativa concessa al personale diplomatico, richiamando immediatamente Capella a Roma, dove ora vive protetto in un palazzo vaticano, passeggiando ogni giorno nei giardini e ricevendo visite da amici e parenti. Una situazione decisamente imbarazzante anche per il Papa che ora si trova a dovere decidere il da farsi, in base al provvedimento canadese.

 Il cardinale Parolin, sempre al convegno alla Gregoriana, ha aggiunto ai cronisti: «Ci sono indagini in corso, tutto è coperto da riserbo per proteggere le indagini e per la verità e la giustizia». Le indagini vengono fatte dai gendarmi e i magistrati vaticani hanno aperto un fascicolo. Impossibile per chiunque sapere altro anche se sull’intera vicenda, a livello di immagine, pesa come un macigno l’esempio coerente del cardinale australiano George Pell, accusato di pedofilia dal tribunale di Sydney e partito a giugno per l’Australia per essere presente al processo. Il cardinale in una conferenza stampa, alla vigilia del viaggio, aveva annunciato di avere volontariamente rinunciato all’immunità e allo status cardinalizio per potersi difendere meglio. «Sono innocente e lo dimostrerò».  Come evolverà il caso Capella dipenderà anche da come Papa Francesco vorrà procedere. Al convegno internazionale per la protezione dei minori dai predatori del web, padre Hans Zollner, l'organizzatore, ha spiegato al Messaggero «che in tanti Stati come esempio la Germania, gli Stati Uniti o il Canada, ogni computer contenuto nelle strutture diocesane o parrocchiali viene monitorato».
Martedì 3 Ottobre 2017, 20:58 - Ultimo aggiornamento: 04-10-2017 15:52
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2017-10-04 04:24:32
E Papa speriamo che non dirai ...CHI SONO IO A GIUDICARE IL FONDATORE DI PLAYBOY....? Perche' non gli ripeti le PAROLE DI GESU'.....GUAI A CHI FA LA TENTAZIONE ? SPIEGAGLI ANCHE IL SIGNIFICATO DELLA PAROLA "GUAI " !
2017-10-03 21:31:59
il Vaticano tra pedofili e affarristi dovrebbe chiudere per 1 anno e riaprire dopo fatta una grande pulizia tra loro.

QUICKMAP