Addio Alfie, il messaggio di Papa Francesco: «Profondamente toccato dalla sua morte»

Preghiera per Alfie a San Pietro
ARTICOLI CORRELATI
0
  • 1288
Papa Francesco dà voce al suo dolore per la morte del piccolo Alfie Evans. «Sono profondamente toccato dalla morte del piccolo Alfie. Oggi prego specialmente per i suoi genitori, mentre Dio Padre lo accoglie nel suo tenero abbraccio», scrive Bergoglio su Twitter. Il Pontefice la scorsa settimana aveva ricevuto in Vaticano il papà del piccolo, affetto da una grave malattia neurodegenerativa, e aveva chiesto all'ospedale vaticano Bambino Gesù di fare l'impossibile per portare il piccolo in Italia.

 

«La Chiesa elogia ogni sforzo di ricerca e di applicazione volto alla cura delle persone sofferenti» ma «ricorda anche che uno dei principi fondamentali è che non tutto ciò che è tecnicamente possibile o fattibile è per ciò stesso eticamente accettabile. La scienza, come qualsiasi altra attività umana, sa di avere dei limiti da rispettare per il bene dell'umanità stessa, e necessita di un senso di responsabilità etica», aveva detto oggi il Papa all'udienza con i partecipanti alla conferenza sulla medicina rigenerativa.

Il pontefice ha evidenziato l'importanza di «quattro verbi: prevenire, riparare, curare e preparare il futuro». «Siamo sempre più consapevoli del fatto che molti mali potrebbero essere evitati se ci fosse una maggiore attenzione - ha detto Papa Francesco nell'udienza ai partecipanti alla Conferenza sulla medicina rigenerativa - allo stile di vita che assumiamo e alla cultura che promuoviamo. Prevenire significa avere uno sguardo lungimirante verso l'essere umano e l'ambiente in cui vive».

«Questo è particolarmente importante - ha aggiunto - quando pensiamo ai bambini e ai giovani, che sono sempre più esposti ai rischi di malattie legate ai cambiamenti radicali della civiltà moderna». «Dobbiamo, inoltre, mettere in risalto con molta soddisfazione - ha proseguito Bergoglio - il grande sforzo della ricerca scientifica volta alla scoperta e alla diffusione di nuove cure, specialmente quando toccano il delicato problema delle malattie rare, autoimmuni, neurodegenerative e molte altre».

Per il Papa «c'è bisogno di riflettere sulla salute umana in un contesto più ampio, considerandola non solo in rapporto alla ricerca scientifica, ma anche alla nostra capacità di preservare e tutelare l'ambiente e all'esigenza di pensare a tutti, specialmente a chi vive disagi sociali e culturali che rendono precari sia lo stato di salute sia l'accesso alle cure».

E ancora: «Di fronte al problema della sofferenza umana è necessario saper creare sinergie tra persone e istituzioni, anche superando i pregiudizi, per coltivare la sollecitudine e lo sforzo di tutti in favore della persona malata». Per Papa Francesco occorrono dunque «azioni concrete a favore di chi soffre» attraverso «la convergenza di sforzi e di idee capaci di coinvolgere rappresentanti di varie comunità: scienziati e medici, pazienti, famiglie, studiosi di etica e di cultura, leader religiosi, filantropi, rappresentanti dei governi e del mondo imprenditoriale».

«La compassione, non è un sentimento vago, ma un concreto avvicinamento all'altro fino a immedesimarsi con lui»: dice Papa Francesco in un messaggio inviato, tramite il card. Pietro Parolin, Segretario di Stato Vaticano, alla 41/a Convocazione Nazionale dei gruppi e delle comunità del Rinnovamento nello Spirito, in corso a Pesaro. Papa Francesco - riporta una nota di Rns - ricorda che «tutti sono chiamati a percorrere lo stesso cammino del buon Samaritano, che è figura di Cristo: per amarci come lui ci ha amato. Il Samaritano si è comportato con vera misericordia: fascia le ferite di quell'uomo e se ne prende cura personalmente».
Sabato 28 Aprile 2018, 12:26 - Ultimo aggiornamento: 30-04-2018 01:09
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP