Il Papa ai frati, liberatevi della tentazione dei soldi, il diavolo entra dal portafoglio

di Franca Giansoldati

Città del Vaticano - I soldi rovinano i frati. Mandano in malora gli ordini religiosi, corrompendoli nell'anima. Papa Francesco parla a cuore aperto ad un convegno di consacrati e, andando a braccio, spaziando di riflessione in riflessione, allarga l'uditorio a tutti gli ordini religiosi esistenti mettendoli in guardia dall'uso del denaro. Chiedendo il rispetto di uno dei voti fondanti la vita spirituale. La povertà.

In questi cinque anni di pontificato sul suo tavolo sono arrivati resoconti poco edificanti su scandali, crack economici, truffe, sottrazioni indebite di denaro che avevano al centro monaci e frati certamente più attenti al conto corrente e al portafogio che non al percorso evangelico. Nemmeno l'ordine dei Francescani, fondato dal Poverello di Assisi, ne è stato immune. Insomma, sembra proprio che anche in sacrestia valga il motto latino: Pecunia non olet.

Papa Francesco si è così lasciato andare ad un discorso addolorato: «Senza povertà non c’è fecondità nella vita consacrata. Ed è muro, ti difende. Ti difende dallo spirito della mondanità. Noi sappiamo che il diavolo entra dalle tasche. Tutti noi lo sappiamo. E le piccole tentazioni contro la povertà sono ferite all’appartenenza al corpo della vita consacrata. (…) E questo non si può negoziare. Senza povertà noi non potremo mai discernere bene cosa sta accadendo nel mondo. Senza lo spirito di povertà. Lascia tutto, dai ai poveri, ha detto il Signore a quel giovane. E quel giovane siamo tutti noi (…) Ci sono tre scalini per passare dalla consacrazione religiosa alla mondanità religiosa. Sì, anche religiosa; c’è una mondanità religiosa; tanti religiosi e consacrati sono mondani. Tre scalini. Primo: i soldi, cioè la mancanza di povertà. Secondo: la vanità, che va dall’estremo di farsi “pavone” a piccole cose di vanità. E terzo: la superbia, l’orgoglio. E da lì, tutti i vizi. Ma il primo scalino è l’attaccamento alle ricchezze, l’attaccamento ai soldi. Vigilando su quello, gli altri non vengono. E dico alle ricchezze, non solo ai soldi. Alle ricchezze».

 
Venerdì 4 Maggio 2018, 13:53 - Ultimo aggiornamento: 04-05-2018 14:00
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2018-05-04 19:48:50
se lo dice lui...

QUICKMAP