Il Papa chiude il summit con i vescovi cileni senza punizioni, ma annuncia cambiamenti

di Franca Giansoldati

Per il momento di concreto ci sono solo tante domande. Una su tutte: Papa Francesco dopo avere convocato a Roma i 34 vescovi cileni per la mala gestione della pedofilia, farà rotolare qualche testa? Punirà i vescovi omertosi e che hanno insabbiato terribili casi? Alle ore 18:40 di questa sera è finito l’ultimo dei quattro incontri che si sono tenuti nell’auletta dell’Aula Paolo VI. Alla fine di quello che in Vaticano viene eufemisticamente chiamato «un periodo di discernimento e incontro fraterno», Papa Francesco ha consegnato a ogni vescovo una lettera per ringraziarlo della disponiblità a collaborare «in tutti i cambiamenti e le risoluzioni che dovremo applicare nel 
breve, medio e lungo periodo necessari per ristabilire la 
giustizia e la comunione ecclesiale».

Gli 
incontri sono stati occasione di un «discernimento franco di 
fronte ai gravi fatti che hanno danneggiato la comunione 
ecclesiale e debilitato il lavoro della Chiesa in Cile negli 
ultimi anni». Contrariamente alla lettera del pontefice che non esplicita nessuna sanzione per i vescovi insabbiatori, il quotidiano argentino El Clarin, citando fonti autorevoli, anticipa che stanno rotolando le teste di 4 vescovi, a cominciare da monsignor Juan Barros, il vescovo di Osorno. Un prelato che il pontefice aveva difeso a spada tratta quando era in Cile, offendendo persino le vittime che in seguito avrebbe ospitato a Santa Marta per chiedere loro scusa. Una di loro, Juan Cruz, ha spiegato che questa inversione di marcia nell'atteggiamento del pontefice si spiega nel fatto che Francesco sarebbe circondato da collaboratori che sono impreparati o che gli danno informazioni parziali o sbagliate.

Parole pesantissime e mai rettificate. Nel frattempo monsignor Jordi Bertomeu – il prelato della Congregazione della Fede che assieme a monsignor Charles Scicluna è andato in Cile per svolgere una indagine supplementare – ha anticipato che sicuramente qualcosa cambierà. "Si attendono misure concrete a breve scadenza. Il Papa è un uomo di parola e se lo ha detto vuol dire che lo farà".

Tra i vescovi contestati per l'operato svolto c'è anche l'arcivescovo emerito di Santiago del Cile, il cardinale Francisco Javier Errázuriz e l'attuale ordinario, cardinale Ricardo Ezzati.





 
Giovedì 17 Maggio 2018, 21:34 - Ultimo aggiornamento: 18-05-2018 13:23
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP