Papa Francesco in Emilia sostiene i migranti che chiedono di essere legalizzati, «hanno bisogno di documenti»

ARTICOLI CORRELATI
di Franca Giansoldati

Città del Vaticano - «Nei migranti vedo Gesù Cristo che bussa alla porta». Migranti da legalizzare. Papa Bergoglio nell'Hub di Bologna dove vengono raccolti centinaia di migranti si fa portavoce delle loro richieste e, a braccio, si associa alla richiesta di documenti. «Nel mio cuore voglio portare la vostra paura, la difficoltà, i rischi e anche tante scritte, aiutaci ad avere dei documenti». Stamattina il pontefice è volato in elicottero prima a Cesena e poi a Bologna dove ha insistito per l'apertura di corridoi umanitari «per i rifugiati». Il suo ventesimo viaggio italiano è stato organizzato attorno a tre concetti chiave: integrazione, dialogo, vicinanza agli ultimi. Temi che nei giorni scorsi sono stati oggetto di contestazioni nel cesenate dai giovani di Casa Pound che hanno affisso qualche manifesto contro la linea di accoglienza che sta portando avanti la Chiesa. Cesena è stata inclusa nel programma papale perché Francesco voleva ricordare il terzo centenario di Pio VI, un Papa eletto dopo quattro mesi di conclave e che ebbe un pontificato travagliato, finendo arrestato da Napoleone Bonaparte, portato in esilio in Francia dove poi morì in carcere. E' a Cesena che Francesco ha lanciato un appello ai politici. «Non siate né padroni, né servi, oggi più che mai c'è bisogno di una buona politica che non sia asservita alle ambizioni individuali o alla prepotenza di fazioni o centri di interessi».

Esattamente come ha fatto anche ieri in Vaticano, davanti a 200 sindaci dell'Anci, Bergoglio è tornato sul tema della centralità della gente. «E' questa la base del buon governo della città, è essenziale lavorare tutti per il bene comune. Per essere motore di uno sviluppo sostenibile e integrale».

Al suo arrivo a Bologna il Papa si è trovato di fronte i mille migranti ospiti del centro di accoglienza regionale di Via Mattei. Nigeriani, eritrei, somali, congolesi, centrafricani. Li ha salutati tutti. Uno gli ha regalato il braccialetto giallo che serve per il riconoscimento e il Papa lo ha indossato senza mai toglierselo. Poi si è fermato a fare decine e decine di selfie con ragazzi e ragazze africani. La parola poi è passata a loro, ai migranti, per dare corpo alle loro attese, alle loro sofferenze, al viaggio nel deserto e attraverso il Mediterraneo, alla fatica sopportata per avere maggiori opportunità nella vita. «Abbiamo bisogno di documenti» recitavano alcuni cartelli. 

Nei giorni scorsi Papa Francesco ha manifestato preoccupazione per i segni di intolleranza e xenofobia che si vedono in Europa. Il programma della giornata è proseguito con l'incontro con il mondo del lavoro, l'Angelus in piazza Maggiore ed il pranzo di solidarietà con i poveri, i rifugiati ed i detenuti, nella basilica di San Petronio. Nel primo pomeriggio l'incontro con i sacerdoti, e gli studenti ed il mondo accademico in piazza San Domenico, infine, prima di ripartire per Roma, allo stadio Dall'Ara la celebrazione della Messa. Nel 1256 Bologna fu il primo Comune italiano ad abolire la servitù pagando con il proprio “tesoro” il riscatto di circa 6.000 servi della gleba. Un esempio di coraggio istituzionale che Bergoglio ha lodato. «Bisogna fermare la schiavitù»ha detto. 
Domenica 1 Ottobre 2017, 09:14 - Ultimo aggiornamento: 01-10-2017 19:10
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
3 di 3 commenti presenti
2017-10-01 13:22:47
Fame di vocazioni e chiese vuote. E tenta ostinatamente la via della accoglienza verso tutto ciò che sbarca in Italia nella speranza di non dover scomparire dalla geografia delle religioni. Dpo tutti gli scempi perpetrati in 21 secoli di storia clericale cristiana poco edificante, sarebbe anche ora che zittisse e inizi a preparare le valigie. Non soffriremo di nostalgia o depressioni da mancanza di assordanti scampanate domenicali. Che se ne faccia una ragione, e basta con stì migranti allo sbaraglio.
2017-10-01 13:02:57
Francesco che grande che sei....ma scusa non e' GESÙ CHE BUSSA ALLA PORTA ? Datosi che ci siamo puoi tu dire due parole per quei 150.000 GIOVANI ITALIANI CHE DEVONO EMIGRARE OGNI ANNO PER TROVARE LAVORO ? O quelli non sono figli di famiglia ?? Quelli che dicono che in Italia ci sono milioni di giovani disoccupati e poveri tu fai finta di NON SENTIRE BASTA CHE TI FAI BELLO TU E LA TUA ORGANIZZAZIONE TE NE FREGHI DEGLI ALTRI ? Dimmi tu se in Italia lavoro non c'e per gli Italiani che speranza hanno questi tuoi invitati?? Non pensi che la tua missione e' quella di predicare il S. VANGELO (COMANDO DI GESÙ CHE NON SI IMMISCHIO NELLA POLITICA ) A TE FA PIACERE CHE I CATTOLICI SI CONVERTONO A L'ISLAM ? Ha dimenticavo quelli sono i tuoi fratelli ? Pero loro non ti chiamano fratello ....che strano chi sa perche'
2017-10-01 11:50:48
i migranti che chiedono aiuto al PAPA dovrebbero essere normalmente CATTOLICI altrimenti se fossero di altre religione non avrebbe motivo nel senso che mai in linea massima un cristiano chiederebbe aiuto ad un IMAM oppure ad un RABBINO se si trovasse nelle stesse situazioni quindi ..la chiesa di ROMA attraverso questa politica di accoglienza aperta a tutti secondo il mio avviso è alla ricerca come diceva qualcuno di proselitismo a buon mercato e basta...

QUICKMAP