Papa Francesco chiede di pregare per il piccolo Alfie, condannato a morte da una grave malattia

di Franca Giansoldati

Città del Vaticano  - Papa Francesco, al termine della preghiera del Regina Coeli ha parlato di eutanasia affrontando due casi di cronaca che hanno spaccato l'opinione pubblica mondiale,  il caso del francese Vincent Lambert e del bambino inglese Alfie Evans. Papa Francesco ha chiesto di pregare «perché ogni malato sia sempre rispettato nella sua dignità e curato in modo adatto alla sua condizione, con l'apporto concorde dei familiari, dei medici e degli altri operatori sanitari» «Affido alla vostra preghiera le persone, come Vincent Lambert, in Francia, il piccolo Alfie Evans, in Inghilterra, e altre in diversi Paesi, che vivono, a volte da lungo tempo, in stato di grave infermità, assistite medicalmente per i bisogni primari. Sono situazioni delicate, molto dolorose e complesse». Alfie è colpito da una malattia neurodegenerativa e secondo i medici è destinato a morire a breve anche se non si sa quando. La sua vicenda ricorda quella del piccolo Charlie Gard. L'ospedale in cui è ricoverato  ha proposto ai suoi genitori di sospendere i sostegni vitali – respirazione, alimentazione, idratazione, ma  i suoi genitori, si sono opposti ingaggiando un contenzioso legale tra polemiche e accuse. 

Sull'argomento è intervenuto anche monsignor Vincenza Paglia, presidente dell'Accademia per la Vita che si è fatto promotore di un appello per riaprire il dialogo tra i genitori e le autorità dell'ospedale «perché insieme cerchino il bene integrale di Alfie e la cura della sua vita non sia ridotta a una controversia legale. Alfie non può essere abbandonato, Alfie deve essere amato e così i suoi genitori, fino in fondo».
 
Domenica 15 Aprile 2018, 13:46 - Ultimo aggiornamento: 16-04-2018 13:50
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP