Abusi in Vaticano, ex chierichetto a Le Iene: «Si infilava nel mio letto e facevamo sesso. Oggi è un prete»

Abusi in Vaticano, gli ex chierichetti raccontano le violenze a 'Le Iene':
13
  • 1374
Abusi in Vaticano continuati nel corso degli anni, senza la minima speranza di poter avere giustizia: è sconvolgente il nuovo servizio de 'Le Iene' dove alcuni ex giovani seminaristi e chierichetti di Papa Francesco hanno raccontato le violenze sessuali subìte all'interno della sede del preseminario San Pio X, a due passi da piazza San Pietro e dalla residenza privata del Papa.

Il primo a parlare a 'Le Iene' è un giovane ragazzo polacco, Kamil, che ancora adolescente aveva deciso di recarsi in Vaticano ed entrare nel preseminario. Qui, però, trovò l'orrore e fu testimone di anni di ripetute violenze ai danni del suo compagno di stanza, da parte di un giovane seminarista, poco più grande di loro, e che oggi è stato anche ordinato sacerdote. «Avevo paura e quindi restavo impietrito mentre vedevo quello stupro, anche perché lui era il seminarista di cui il rettore si fidava di più - racconta Kamil -. Poi decisi di dire tutto al nostro padre spirituale, perché è tenuto al segreto. Lui decise di fare indagini per conto proprio e alla fine fu rimosso dal suo incarico e trasferito a 600 km di distanza».




A questo punto, Gaetano Pecoraro ha deciso di ascoltare Marco (nome di fantasia), la vittima delle molestie raccontate da Kamil, oggi 24enne. «Quella violenza fu il mio primo approccio al sesso, era qualcosa di orribile e sbagliato ma divenne la normalità, addirittura una volta successe dietro l'altare della Basilica di San Pietro», spiega il ragazzo.

«La paura ti pietrifica, alla fine accetti tutto ma ti senti in colpa». Dopo la prima denuncia di Kamil e le successive indagini del padre spirituale, quest'ultimo fu rimosso da monsignor Enrico Radice, il rettore del preseminario. Non solo: Kamil, di punto in bianco, fu cacciato dal seminario e si ritrovò da solo, senza un tetto, in un paese straniero. Monsignor Radice si rifiuta di parlare con 'Le Iene': «Tutto in regola, tutto verificato. Le vostre sono solo calunnie, dite falsità».


 
Lunedì 13 Novembre 2017, 09:22 - Ultimo aggiornamento: 14-11-2017 13:52
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 13 commenti presenti
2017-11-14 10:08:14
a finale si vede come il sette denari che questo ragazzo è gay perso, sarà una vendetta tra femminuccie. non sono questi gli scandali che ci fanno inorridire. non distogliete l'attenzione dalle vere violenze commesse da preti adulti verso ragazzi indifesi.
2017-11-14 03:26:55
A 14 anni le mie cugine gia’ allattavano,ed era il 1967.Si vede che Kamil,ambiva a diventare Kamilrengo scegliendo la via più facile.La cruna dell’ago?Con la cazzimma dei giovani di oggi,sembra più una vendetta tra femminelle consenzienti.
2017-11-13 17:38:45
Nell esercito Americano I Gay Non li Vogliono , mentre nel Vaticano se non sei gay lo devi diventare per continuare il seminario.... il sacro ed il profano come una lavoro di lana fatto ai ferri uno al diritto e l altro al rovescio ...
2017-11-13 16:45:45
Cose di normale quotidianitá nei seminari, nei collegi e quanto piú inumano in quelle case di Orfani, e case chiuse dirette da suore o pretipedofili , pederastie sodomiti, non solo tra i maschi pure suore e ragazze celibe che avevan passato quella etá che solevano essere sposate. Io dai 7 anni fino a 14 fui internato perché uno dei genitori in galera, ne ho visto di malefatte e stupri, cosa mi salvó a me é stata la mia non proprio sembianza di bel ragazzino e la molta ruviditá, che io usavo come scudo. Botte e maltrattamenti con schiaffi calci pugni e frustate, ne ho ricevute abbastanza . Forse per questo sono ateo e il clero mi fa schifo. Ai miei tempi c´erano le suore
2017-11-14 07:36:09
ciao ho riletto piu' volte il tuo post mi domando oggi se hai ancora il peso di quegli anni che ti hanno scolpito la vita tua malvoglia, io non sono stata in collegio ma avevo due fratelli che non vedevo mai perche' erano li lontani da me sai queste cose del passato ti sfigurano la fiducia negli altri cerchi sempre di vedere l altra faccia della medaglia che purtroppo tutti noi abbiamo e tutto ora ancora oggi io non mi fido di nessuno queste terribili esperienze di una fanciullezza povera ti seguono come ombre del passato a volte credi che sia tutto dimenticato ed andato via per sempre ma alla prima sconfitta ritorni indietro con la mente Il lavoro non soddisfatto, gli amici non sinceri e allora ti domandi sono io sbagliato o sono loro? Nessuno dei due e' la vita che e' amara ma quando l hai assaggiata cosi' in fretta il sapore non si dimentica. Spero che troverai giorni sereni per il resto della tua vita anche io lo spero per me e li sto ancora cercando .... La solitudine e' diventata oggi la mia pace interiore.... sono sposata ma questo non centra niente tu lo sai di cosa sto parlando ..... ciao tanti auguri.

QUICKMAP