Studenti-europarlamentari: a Napoli confronto sul Mediterraneo

Fino al 14 ottobre Napoli diventa il cuore del Mediterraneo. Studenti da tutta Europa si sono radunati nella città per conoscerne storia e cultura e dibattere sui temi centrali dell’area mediterranea. Le risoluzioni votate nel corso delle sessioni saranno poi inviate al Parlamento europeo.

L’iniziativa rientra nei progetti di Educazione alla Cittadinanza Europea promossi dal M.E.P. (Model European Parliament) Italia, associazione culturale di insegnanti, studenti universitari e delle Scuole Medie Superiori, impegnata a promuovere una dimensione europea nell’educazione, attraverso esperienze concrete di studio e confronto. Istituzioni locali e nazionali sostengono i singoli progetti. Nel corso degli incontri di simulazione del Parlamento Europeo, “come veri e propri parlamentari”, i delegati/studenti, in numero di dieci per ogni scuola partecipante, dibattono sulle tematiche scelte, preparate e documentate nei mesi precedenti presso le loro scuole, confrontandosi in attività di Commissione ed Assemblea Plenaria e utilizzando regole e procedure del Parlamento Europeo. Grazie al MEP, gli studenti stringono accordi, difendono le proprie opinioni nei dibattiti democratici e tengono discorsi nell'aula parlamentare.

Quella in corso a Napoli, organizzata dalle scuole della rete campana (L.S. T.L.Caro,  L.S. Di Giacomo, L.C. Pansini, I.S.I.S. Pagano, Convitto Nazionale Vittorio Emanuele II, I.I.S. Siani, I.T.I. Majorana) è la prima sessione a tema #Mediterraneo, che coinvolge e ospita delegati provenienti da paesi di quest'area europea. «In questa edizione del Mep - ha detto in apertura dei lavori del Comitato, la preside del L.S.T.L.Caro Liana Nunziata - Austria, Bulgaria e Olanda si associano a Cipro, Croazia, Francia, Grecia, Portogallo e Spagna nella realizzazione di un evento culturale, uno spazio di aggregazione per giovani, che focalizza l’attenzione sulla componente mediterranea dell’Unione europea. E’ importante per i paesi del Mediterraneo avere l'opportunità di discutere e di proporre soluzioni di grande interesse per le nostre aree, a partire dall'immigrazione e, di conseguenza, dall'integrazione razzial».

Gli argomenti di questa sessione EURO-MED, affrontano numerosi temi che consentiranno agli studenti di aumentare la consapevolezza del mondo e di sperimentare un vero processo di crescita personale. Tra gli argomenti di dibattito: L'Unione per il Mediterraneo può attualmente essere considerata di qualsiasi rilevanza? La situazione nel Mediterraneo e la necessità di un approccio comunitario comune all'immigrazione. Difesa in Europa: è possibile avanzare? Il mare come un'opportunità per i paesi Mediterranei e per l'UE. La rivoluzione dell'energia pulita nell'UE. Per l'uguaglianza tra donne e uomini dopo il 2016. Lo scopo della simulazione è la redazione e la votazione di una proposta di legge risolutiva del topic assegnato dalla Commissione di appartenenza.

I lavori parlamentari si concluderanno domani, 13 ottobre, con la cerimonia di chiusura al Maschio Angioino, una Plenary Session in cui si leggeranno e voteranno le proposte di legge formulate nelle singole sessioni, e uno spazio dedicato all'intervento di personalità rilevanti nell'ambito delle istituzioni europee.
Giovedì 12 Ottobre 2017, 15:06 - Ultimo aggiornamento: 12-10-2017 15:06
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP