Mobilitati i precari della sanità:
ora la stabilizzazione in Campania

Il Movimento regionale precari atipici e subordinati della Sanità in Campania esprimono preoccupazione per il «processo di stabilizzazione», in base alle nuove norme e circolari e fa notare le differenze rispetto ad altre regioni, come il Lazio e il Molise. «Ovviamente i lavoratori precari “non ci stanno” e metteranno in atto ogni tipo di iniziativa atta a vedere riconosciuta la loro dignità personale e professionale», annunciano in una nota e concludono: «A questo punto della storia ci sarà un “inverno bollente” perché non si può arrivare al primo trimestre del 2018 senza una chiara e definitiva soluzione del problema precariato, e continuare semplicemente ad “avere fede” così come è stato risposto dal presidente De Luca ad una precaria sessantenne del Santobono». 
Sabato 23 Dicembre 2017, 18:18
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP