Tav, il governo punta sul Sud: ecco le grandi opere da portare a termine

di Francesco Lo Dico

I dossier sono ancora allo studio, ma la diagnosi che arriva da Porta Pia è già abbastanza netta: per provare a guarire la cronica anemia di cui soffrono le infrastrutture meridionali si procederà a una corposa cura del ferro. Dalla Napoli-Bari all'alta velocità Salerno-Reggio Calabria, dal raddoppio dei binari in Puglia (con particolare attenzione alla tratta Bari-Barletta), in Sicilia e al retroporto di Gioia Tauro. L'intenzione del nuovo ministro delle Infrastrutture, Danilo Toninelli, è ricucire le ferrovie del Sud con il resto del Paese. Certo, si tratterà di valutare gli investimenti uno per uno sulla base di costi e benefici. Di considerare laddove possibile soluzioni alternative, in grado di evitare sprechi e consentire magari di accantonare risorse da reinvestire. Ma al netto del metodo, il merito non cambia. Il no alla Tav Torino-Lione discende da costi, ritenuti troppo alti, e benefici, considerati modesti. Ma alta velocità e raddoppi dei binari, al Sud servono eccome. La terra del sì-Tav ha per Toninelli «priorità assoluta», spiegano dall'entourage del ministro. Che non a caso ha citato «ferrovie regionali, legalità e Sud» come i primi obiettivi della sua mission. Che porrà particolare attenzione alla Basilicata. «Impensabile lasciare Matera, capitale della cultura 2019, isolata. Sono allo studio soluzioni ad hoc», spiegano dal ministero. Ancora il timing non c'è: la ricognizione dei fondi è alle prime battute. Ma una prima certezza al Mit sarebbe emersa: tra fondi nazionali ed europei ci sarebbero risorse a sufficienza.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Domenica 10 Giugno 2018, 08:30 - Ultimo aggiornamento: 10-06-2018 19:36
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 8 commenti presenti
2018-06-11 14:23:56
Ottimo poi qualcuno mi spiega perché a milano c'è la cinque corsie e a bari non c'è neanche la corsia!E anche perché le autostrade costruite con i nostri soldi sono di proprietà di De Benedetti Benetton (autostrade per l'italia) e Gavio. E soprattutto perché scadute le concessioni non se le riprende. E anche perché quella cosa inutile chiamata brebremi è stata costruita nonostante la buona viabilità già presente. Le autostrade da sole comportano, senza nessuna manutenzione particolare (non ci sono neanche le luci) un introito di liquidi oltre gli 8,73 miliardi di euro dando allo stato circa 2 miliardi il resto in tasca loro.Conq uesti stano comperando autostrade Spagna!Ora quando mia nonna faceva i calcoli la tassazione veniva misurata cosi: guadagno 8 miliardi, tasse 2 miliardi, tassazione 25%. Come mai io in busta su 4 mila euro ne incasso 1,4?Pur dicendo tutti, compreso il fiscalista che io ho le tasse la 22%? Agli esperti di alta finanza chiedo supporto matematico!A.A.
2018-06-10 20:11:45
la statale ionica 107... una vergogna !! tutta la Calabria jonica rimasta al tempo delle carrozze dei borboni.. velocità media 30 all'ora e se la superi autovelox e tutor a 30 all'ora!! vergogna!! e neanche un aeroporto funzionante!!! e cittadini che non si lamentono di nulla!! e vanno pure a votare!!
2018-06-10 15:49:28
Conte è atterrato mezz'ora fa.
2018-06-10 14:46:45
Vediamo, in democrazia c'è alternanza. Oggi tocca a LEGA-5S. Manterranno le promesse??? Intanto, il posillipino comunista Fico già attacca la Lega. E anche lui sarà a libro paga dei cittadini.
2018-06-10 12:24:03
Si vabbeh...se credete ancora a stè cazzate allora credete pure a Pappagone.

QUICKMAP