Di Maio, Mattarella, i vincoli Ue: Salvini tentato di far saltare tutto

Di Maio, Mattarella, i vincoli Ue: Salvini tentato di far saltare tutto
ARTICOLI CORRELATI
di Alberto Gentili

Matteo Salvini è vicino al punto di non ritorno. Cresce, nel capo leghista, la tentazione di far saltare tutto, di riabbracciare Silvio Berlusconi e il centrodestra e di andare alle elezioni in ottobre (ormai luglio è sfumato). Da una parte c’è il rapporto difficile con Luigi Di Maio.

Il leader grillino un giorno sì e l’altro pure propone la sua candidatura a premier, dopo aver annunciato domenica della settimana scorsa di essere pronto a fare un passo indietro se il problema fosse stato lui. In più, mentre prosegue la trattativa sul contratto di programma, aumentano invece che diminuire le distanze con i 5Stelle. Sui migranti, sulla sicurezza, sulle grandi opere (Tav, gasdotto Tap), la giustizia e perfino sulla legittima difesa.

Ma ciò che più irrita Salvini è un senso di impotenza. Il rischio e il terrore di non poter realizzare le promesse elettorali. In primis: l’abolizione della legge Fornero sulle pensioni e la Flat Tax al 15% per tutti. E qui Di Maio e i grillini non c’entrano nulla. Nei vari colloqui al Quirinale e in un paio di discorsi pubblici, Sergio Mattarella ha spiegato a Salvini che ci sono vincoli di bilancio che non possono essere superati. Perché lo dice la Costituzione che impone coperture finanziarie per ogni legge. Perché lo stabiliscono i trattati europei, le regole che sono alla base della moneta unica.

Ecco, questo è il punto: Salvini sta acquisendo la consapevolezza che quelle regole, nonostante abbia detto e promesso il contrario ai propri elettori, non si possano superare o aggirare. L’Italia infatti non è la Grecia, non è ipotizzabile un’uscita dall’euro della terza economia continentale. Neppure cavalcando l’onda populista. Gli interessi in gioco sono troppo alti.
Martedì 15 Maggio 2018, 10:12 - Ultimo aggiornamento: 15-05-2018 10:18
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
4 di 4 commenti presenti
2018-05-15 19:00:46
"Gli interessi in gioco sono troppo alti". Ma gli interessi di CHI???!!!
2018-05-15 11:59:53
stanno sovvertendo tutte le regole istituzionali della repubblica ,mai avvenuto in tutti questi decenni. pivellini incapaci, arroganti e presuntuosi. si stanno scontrando SULLA POLTRONA!
2018-05-15 11:33:29
quando ha scoperto che doveva fare investimenti al sud ed una vera legge contro il conflitto di interessi è tornato nelle braccia di papi
2018-05-15 11:22:40
La "terra dei cachi".......dove una" certa politica" ,quella degli "irti colli" ,parla di "europa"....... e chi invece parla di "italia" e dei tanti problemi degli " italiani " !.....questo è ,se vi pare, il drammatico scenario,quello "europeo, "creato" ..... che vi vuole difendere a "spada tratta" !

QUICKMAP