Atac, consiglio straordinario, Raggi: «Rischiava il fallimento, noi la salveremo»

ARTICOLI CORRELATI
È iniziata la seduta straordinaria dell'Assemblea capitolina per discutere il futuro dell'Atac, l'azienda municipalizzata dei trasporti pubblici di Roma piegata dai debiti. In aula Giulio Cesare è arrivato anche il sindaco Virginia Raggi che sta esponendo la propria relazione sullo stato dell'azienda. La seduta si prospetta lunga e complessa. In piazza del Campidoglio si riuniranno i sindacati che osteggiano la risoluzione del concordato preventivo e che chiedono garanzie per i dipendenti, mentre in aula il presidente dell'Assemblea capitolina, Marcello De Vito, è stato costretto ad allontanare alcune persone che hanno esposto striscioni di protesta. Tra loro, il segretario dei Radicali, Riccardo Magi che dopo aver srotolato un'insegna con su scritto "Referendum" è stato bloccato dai vigili urbani e costretto a lasciare l'Aula scortato. Prima di uscire Magi ha gridato al sindaco Raggi: «Siete quelli della democrazia diretta: fate dire ai dipendenti come vogliono risolvere la situazione. Un anno fa l'azienda era il fiore all'occhiello ora è in fallimento».
 
 

Dopo questa interruzione il sindaco è tornata a prendere la parola, ricordando che lo strumento scelto dall'amministrazione per salvare l'Atac è «il concordato preventivo in continuità» e che non c'è la volontà di privatizzare l'azienda poiché questa scelta, a detta del primo cittadino di Roma, equivarebbe a «svendere l'azienda». «Per effetto di politiche sciagurate che negli anni hanno creato un debito di oltre oltre 1 mld, Atac rischiava il fallimento - ha esordito la Raggi - noi la salveremo mantenendola saldamente in mano pubblica, salveremo il servizio e migliaia di posti di lavoro». La parola chiave per il sindaco resta "rilancio", «Chiediamo con forza, guardando negli occhi i cittadini e i lavoratori, di sostenerci - ha invocato poi la Raggi - perché il nostro obiettivo è quello di fare rimanere pubblica Atac e di rilanciarla. Mi rivolgo in particolare ai lavoratori e ai sindacati». Un passaggio della relazioni, ha riguardato, i dipendenti dell'azienda di trasporti per i quali il sindaco ha promesso la volontà di «mantenere i livelli occupazionali». «I lavoratori onesti  - ha aggiunto ancora il sindaco - non hanno nulla da temere, mentre non saranno più tollerate posizioni rendita: come abbiamo dimostrato con i licenziamenti per parentopoli non facciamo sconti a nessuno». 

«Il bilancio 2016 per quanto ci viene detto dai vertici della società potrebbe chiudersi con un patrimonio netto negativo. Una situazione spaventosa che chiama tutti a un'assunzione di responsabilità e mi permetto di dire forse alcuni più di altri: a chi ha avuto il compito di gestirla e non ha vigilato sugli aspetti operativi e finanziari e infine
noi che siamo chiamati a trovare una soluzione», ha concluso la Raggi.
 
Giovedì 7 Settembre 2017, 16:55 - Ultimo aggiornamento: 08-09-2017 08:02
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP