Pd contro Grasso: Renzi teme l'asse Mdp-M5S

di Nino Bertoloni Meli

5
  • 6
Tra Grasso e Pd è scontro frontale. «Il presidente del Senato resti super partes invece di intervenire a gamba tesa nella contesa politica», gli rinfacciato gli esponenti di primo piano del Pd (Rosato, Delrio, Marcucci). Di quello stesso partito, in sostanza, che Pietro Grasso ha definito ormai «non esistere più», dal momento che «il vero Pd era solo quello di Bersani». Parole suonate offensive, di più, di vera e propria sfida, visto che quando Pierluigi Bersani assurse alla guida del Pd si disse che il partito aveva preso tutt'altra strada, aveva abbandonato l'impostazione originaria veltroniana (vocazione maggioritaria) per ridiventare la Ditta, una variante del Pds-Ds con appendice cattolica centrista. Ma tant'è.

Del resto, in fatto di divisioni il Pd è in buona compagnia perchè anche gli alleati di governo di Ap sono sull'orlo di scissione. Oggi, a Roma, c'è la conferenza programmatica del partito, il primo appuntamento dopo il tracollo in Sicilia. Tira aria di scissione, perchè l'ala lombarda non gradisce l'alleanza elettorale con il Pd. Il senatore Gabriele Albertini ha già fatto sapere che non ci sarà. «Il Rosatellum permette di andare in coalizione ma anche da soli con coraggio e schiena dritta», ha detto il coordinatore nazionale Maurizio Lupi.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Sabato 11 Novembre 2017, 09:53 - Ultimo aggiornamento: 12-11-2017 10:51

COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 5 commenti presenti
2017-11-11 18:09:03
I 5 stelle con articolo 1?E' la rivincita di Di Battista detto DIba contro la linea Di Maio.Non gli è andata giù perdere le primarie e allora già lavora per la scissione e ritargliarsi un posto al sole.Certo un movimentonuovo mettersi con i vercchietti della politica. chefarebbero bene a starsene sulla panchina o trovarsi un ospizio che accetta il vitalizio..bha...
2017-11-11 17:44:15
Grasso si auto qualificato uscendo dal PD in un momento delicato e non assolutamente in linea con il rigore istituzionale da tenere in quanto "super partes". Con D'alema e Bersani, Grasso ha formato una triade di gente di bassissimo spessore politico.Se sale Berlusconi per favore non vengano a menarci la solita solfa, sarebbero ridicoli, dando il via all'antiberlusconismo con il solito codazzo di giornalisti (Travaglio docet) Odiano Renzi perchè ha osato metterli all'angolo per la loro storia di falliti della politica;non hanno dignità.
2017-11-11 15:12:21
con le sue prese di posizione , il presidente del senato si sta' dimostrando un " compagno militante " che in magistratura e' molto ma molto frequente .......in Sicilia e nel resto di Italia fu Vera Magistratura , Libera e Indipendente ???......Chissa' !!....ai Posteri
2017-11-11 14:35:21
Grasso va a tenere compagnia a quei tanti che con il loro comportamento stanno affossando la sinistra. Persone che sarebbe bene scomparissero dalla politica una volta per sempre in quanto capaci solo di recare danno e squallidi sotto ogni profilo.
2017-11-11 13:24:21
Personaggio squallido assurto a una carica importante perchè nominato da Bersani, che fu capace di perdere le elezioni apparentemente vinte. Una nullità assoluta che non accetta la candidatura per motivi istituzionali, che però ora non gli impediscono di fare politica attiva da una posizione di visibilità, che però ahimè, dovrebbe essere super partes. Che pessima sinistra

QUICKMAP