Napolitano: «In Italia penoso impoverimento della politica»

Napolitano (ansa)
7
  • 818
«L'impoverimento generale della politica e dei suoi motori è sotto gli occhi di tutti, in Europa ed in Italia in modo clamoroso e penoso». Lo dice il presidente emerito della Repubblica Giorgio Napolitano. «Dobbiamo - spiega, intervenendo a un convegno su Thomas Mann - gettare le basi per la creazione di un clima di formazione nuova: è la nostra missione da cui forse possono nascere delle nuove presenze e dei nuovi protagonisti che oggi non vediamo».

Napolitano parla, nella Biblioteca del Senato, con Massimo Cacciari, Paolo Mieli e Monica Maggioni, alla presentazione dell'edizione di «Moniti all'Europa» di Thomas Mann di cui il senatore a vita ha curato l'introduzione. In sala, tra gli altri, Mario Monti, Pier Ferdinando Casini, Walter Veltroni, Piero Fassino e Gianni Letta. «Se non si ricostruisce - sostiene Napolitano - un minimo di valori liberali e democratici, a cui il movimento operaio ha saputo dare uno sbocco, non si vede come possano essere salvati la cultura e lo sviluppo dignitoso di un Paese come il nostro e garantire prospettive dignitose per le nuove generazioni».
Mercoledì 10 Gennaio 2018, 20:10 - Ultimo aggiornamento: 11-01-2018 10:15
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 7 commenti presenti
2018-01-11 13:25:02
Uomo di altra cultura, altri valori, altro temperamento, altra intelligenza. Tutte cose che mancano ai politici d'oggi.
2018-01-11 14:49:22
No invece, caro amico mio, le stesse cose da te descritte ci sono ancora oggi, ossia, ignoranza abissale tra i politici, specie quelli di sx, temperamento dittatoriale e fovoritismo a gogo e per l'intelligenza....... matteo ne è la dimostrazione palese dell'intelligenza del pd
2018-01-11 09:11:42
Disse l'uomo che distrusse l'italia!
2018-01-11 07:38:14
Come dargli torto!...
2018-01-11 06:08:04
Di giovani rampolli ce ne sono tanti, se lui si riferisce a quelli della sua generazione, bhe quelli sono tutti passati a miglior vita

QUICKMAP