M5S va alla conquista del Sud:
​è boom in Campania e Sardegna

ARTICOLI CORRELATI
di Carlo Porcaro

11
  • 3276
Spazzati via i luoghi comuni sul Sud. Nelle regioni meridionali non attecchisce soltanto il cosiddetto voto «clientelare», finalizzato a soddisfare un interesse personale alimentato dal legame con il notabile locale di turno. Alle prossime elezioni politiche, da Roma in giù attecchirà anche il voto cosiddetto di «opinione» premiando in primis il M5s. Al Meridione i grillini nei sondaggi volano, superando con discreto margine Fi e con uno scarto notevole il Pd. A confermare la tendenza, un sondaggio commissionato dai berlusconiani alla Euromedia Reaserch di Alessandra Ghisleri, esperta di flussi elettorali che difficilmente sbaglia.

Secondo la rilevazione effettuata per conto di Fi, i pentastellati viaggiano in Campania in una forbice tra il 33 e il 35%, tra il 34 e 36% in Sardegna, tra il 33 e il 35% in Sicilia ed infine tra il 30 e il 32% in Puglia. Numeri che parlano da soli, a testimoniare una crescita esponenziale del M5S solitamente debole dove contano i portatori di voti, quelli abituati a rastrellare consensi porta a porta. In Campania, basti pensare che alle ultime Regionali vinte da Vincenzo De Luca per 120mila voti in più dell'uscente Stefano Caldoro, i grillini racimolarono appena il 17%; alle politiche e alle successive europee si assestarono intorno al 23. Ora, a cinquanta giorni dal voto dove puntano su Luigi Di Maio come candidato premier, si ritrovano in dote almeno dieci punti in più.

Nel dettaglio i Cinquestelle sono nettamente avanti rispetto ai competitor soprattutto nelle città medie sopra i 50 mila abitanti e nelle fasce costiere del Golfo; a Caserta viene segnalato un testa a testa col centrodestra, che in zona esprime da venti anni una classe dirigente radicatissima; a Napoli e Salerno, invece, i grillini sono dati ancora in fase di rincorsa, dato facilmente interpretabile con la presenza rispettivamente del sindaco partenopeo Luigi de Magistris e del governatore De Luca. In generale, il Mezzogiorno sembra voltare le spalle agli uomini forti che hanno ereditato un bacino elettorale a cui attingere con relativa facilità. Ora, è questa l'analisi di fondo che sta dietro a questo ultimo sondaggio, gli elettori sentono sulla loro pelle grandi problemi sociali: la mancanza di lavoro, la sanità che funziona male, le pensioni troppo basse e i servizi pubblici inefficienti.

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Martedì 16 Gennaio 2018, 09:09 - Ultimo aggiornamento: 16-01-2018 15:18
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 11 commenti presenti
2018-01-17 20:12:31
andate a lavorare
2018-01-17 10:56:07
Da sempre al Sud si è creduto al nuovo arrivato che prometteva miracoli. Niente di nuovo. Bisognerà ,poi, vedere, come il nuovo Messia metterà mano alla soluzione dei problemi. Alla disoccupazione, alla crisi delle miniere del Sulcis, alla violenza crescente, alle disparità sociali, senza mandare in tilt i conti dello Stato.
2018-01-16 14:12:54
Questi sono sondaggi orientati....a orientare! Sono sondaggi fasulli, però utili a scoraggiare gli elettori di idee opposte o ancora incerti. E' una vecchia tecnica elettorale che l'Azienda Casaleggio, che dirige l'ex Movimento ora Partito, ha mutuato e che prova ad applicare sfruttando la sponda di buona parte dei Media.
2018-01-16 13:56:16
Cisì lei scrive, sig Porcaro : "M5S solitamente debole dove contano i portatori di voti, quelli abituati a rastrellare consensi porta a porta". Alle recenti elezioni siciliane il m5s ha perso nonostante, sue le affermazioni, avessero contattato porta a porta tutti i siciliani.
2018-01-17 13:21:40
Se credi ancora nella vecchia politica, allora la colpa è degli italiani, che vuole essere governato sempre dai soliti, poi non hai il dirtto di lamentarti.

QUICKMAP