M5S, pronta la sanatoria per gli espulsi: Di Maio vuole evitare fughe

ARTICOLI CORRELATI
di Francesco Lo Dico

6
  • 12111
Colpirne qualcuno per educarne più di trecento. Dopotutto non è stata un gran mossa fulminare in piena campagna elettorale i nove parlamentari pentastellati poi eletti a furor di popolo. E così i Cinque Stelle sono pronti a ingranare la retromarcia: i figliol prodighi devono tornare a casa, pronti a godere del vitello grasso che Di Maio sogna già di rosolare sul braciere di Palazzo Chigi.

In piena fibrillazione governativa, il capo politico pentastellato li aveva espulsi in diretta tv per darli in pasto alla voracità delle urne. «Direttamente in carcere senza passare dal via», si picca qualcuno ai piani alti del Movimento. Ma nel Monopoli di governo, quegli «impresentabili» scovati dai media, e non certo da lui, al capo politico avrebbero fatto comodo eccome. Tanto che dopo la sbornia del 33 per cento, le colombe dell'inner circle hanno preso a contestare sobriamente al presidente quelle scelte improvvide, certo non all'altezza della sua fama di stratega. «Luigi, hai toppato. Glieli abbiamo regalati al centrodestra», gli spiegano fraterni alcuni fedelissimi. E poi la gaffe micidiale della rinuncia al seggio. «Ma come si fa a fargli sottoscrivere un modulo che comincia con io sottoscritto tizio e caio, in quanto impresentabile, rinuncio al nome sulla scheda e a entrare in Parlamento? Così ci ridono dietro. E poi come facciamo a riprenderceli?», sono state le considerazioni dopo il voto. Tanto che in diretta tv, la senatrice Taverna ha dovuto ammettere che il modulo di rinuncia era in buona sostanza una gag malriuscita, in una sortita che ha molto rabbuiato il giovane leader.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Lunedì 12 Marzo 2018, 07:00 - Ultimo aggiornamento: 12-03-2018 11:45
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 6 commenti presenti
2018-03-12 20:36:47
questa è la loro logica,cambiare le regole durante il percorso,secondo convenienza. loro sono di parola???????sono onesti??????
2018-03-12 12:24:46
Cari Italiani gli Alpini hanno un detto "O LA VA O LA SPACCA ?" Meglio rischiare che sentire sempre "LA STESSA PUZZA ?" Non bisogna mai dimenticarsi che GESU' aveva 12 Discepoli UNO LO TRADÌ ...UN ALTRO DISSE NON LO CONOSCO .....UN ALTRO LO DUBITO .....E un grande errore pensare che i 5 Stelle e formato di gente perfetta ? Perché questa classe esiste ovunque....prendete esempio di quello che succede nella chiesa Cattolica scandali dopo scandali che cosi non dovrebbe essere ?? Quindi non ci sorprendiamo se qualche scandalo vera a galla nel camino dei 5 S se vanno a governo ? Un consiglio a voi che volete cambiare l'Italia ...Gesu' disse: Dai a Cesare quello che e' di Cesare e a DIO quello che e di DIO ...Ancora la Parola dice : "Benedetta e la Nazione che il SIGNORE E DIO." E per finire..... La Parola dice:"Se rigettano La PAROLA (l'insegnamento ) DEL SIGNORE CHE SAPIENZA POSSONO AVERE ?
2018-03-12 10:30:00
Di Maio e tutto il Movimento,così come stanno le cose,salvo un"colpo in scena",non può formare un governo ...a questo punto dovrebbe(ro) fare(è questo il punto!) una "mossa" che spiazzerebbe il centro -destra e preparerebbe(ro) una "trappola".....!
2018-03-12 11:03:34
Una situazione di stallo, come in Spagna. Aveva ragione Renzi nel proporre la riforma elettorale con il doppio turno, come nei Comuni. Dopo 15 giorni ci sarebbe stato un vincitore, che si sarebbe assunto L'onere di un Governo, espletato il quale sarebbe stato giudicato. Qualche vizio di costituzionalità? Sarebbe bastato che ci fosse la volontà di apportare correttivi, che nessuno ha voluto. Adesso ci dovremo sopportare le litanie giornaliere, in cui ancora si insiste ad accusare il PD. Che prima era tutto il male e che oggi dovrebbe avere la responsabilità di supportare il Governo dei Salvatori del Paese. Cinquestelle e Destra. Senza di me. Opposizione a tutti.
2018-03-12 09:45:07
Tipico della assurdità politica di un partito di buoni a nulla eletti da cittadini difficili da definire. Non è un caso che la sbornia l'abbiano presa al sud dove la gente ha pensato al partito dell'assistenzialismo diffuso

QUICKMAP