M5S alla conquista del profondo nord, Di Maio attacca Salvini: «Lui, incoerente»

A caccia di voti in Lombardia
Il Movimento 5 stelle lancia l'Opa sui voti del centrodestra. Emblematico il pellegrinaggio al nord del candidato premier Luigi Di Maio che è tornato in Lombardia dove non attacca il governatore leghista Bobo Maroni ma il segretario del Carroccio, Matteo Salvini. 

«Ma perché poi Salvini si è alleato con Berlusconi e la Meloni che la legge Fornero l'hanno votata nella scorsa legislatura? Un problema di coerenza. Se uno non è coerente, poi tanto affidabile non è». Così Di Maio ha risposto a una domanda sulle affinità che ci sarebbero con la Lega Nord di Matteo Salvini.

Secondo Di Maio, che in precedenza aveva parlato delle conseguenze negative della riforma Fornero sulle pensioni, in fondo
«se si vedono i programmi elettorali, abbiamo tutti cose in comune. La differenza la farà una domanda: quello che mi sta promettendo qualcosa è già stato al governo? Sì. E allora perchè non lo ha già fatto?».
Venerdì 1 Dicembre 2017, 16:13 - Ultimo aggiornamento: 01-12-2017 16:51
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP