Libia e Tunisia, sulle missioni italiane il voto nell'aula di Montecitorio

ARTICOLI CORRELATI
di Ebe Pierini

Sarà l'aula della Camera a pronunciarsi sul rinnovo delle missioni internazionali attualmente in corso e sull'autorizzazione dei nuovi impegni in Africa. Lo ha stabilito ieri la conferenza dei capigruppo. Il voto si svolgerà a Montecitorio il 17 gennaio alle 16. Ma già in mattinata è previsto l'esame dei provvedimenti.

Erano stati Mdp, Sinistra italiana e M5S a richiedere espressamente che si procedesse con un voto da parte dell'aula. Il Pd invece aveva espresso perplessità ritenendo che fosse preferibile l'esame da parte delle commissioni parlamentari Difesa ed Esteri. Poi si dovrà pronunciare anche il Senato. Non si sa se però in quel caso il passaggio avverrà in commissione o il dibattito approderà in aula.

Lo scorso 28 dicembre il consiglio dei Ministri, oltre a deliberare la prosecuzione di quelle già attive, ha approvato nuove missioni internazionali per il 2018. Ma il provvedimento necessità del via libera delle Camere. Analizzando la delibera del governo emerge una novità sostanziale: vengono previste nuove missioni concentrate tutte in Africa a dimostrazione che è quella l'area geografica ritenuta di «prioritario interesse strategico in relazione alle esigenze di sicurezza e difesa nazionali». Si tratta di operazioni definite no combat, finalizzate alla sicurezza e alla stabilità internazionali. Si parla, a tal proposito di interventi di capacity building. In sostanza andremo ad addestrare le forze di sicurezza locali incrementandone capacità e competenze.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Mercoledì 10 Gennaio 2018, 10:17 - Ultimo aggiornamento: 10-01-2018 17:46
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP