Grillo: il governo con la Lega si farà. Poi attacca l’Europa e abbraccia Putin

Grillo: il governo con la Lega si farà. Poi attacca l’Europa e abbraccia Putin
Non solo Luigi Di Maio, anche Beppe Grillo è ottimista sul governo tra 5Stelle e la Lega: «Ci vorrà ancora un po' di tempo, ma accadrà. Se puntiamo a ridurre le imposte per le piccole e medie imprese, se puntiamo a un reddito di cittadinanza, se vogliamo migliorare la vita delle persone, allora possiamo trovare un accordo».

Il leader pentastellato ormai tornato a tempo pieno a fare il comico, in una intervista a Newsweek rilanciata dal suo blog, torna anche a usare toni anti-europei: il collante, a quanto sembra, del rilancio dell’intesa di governo con la Lega: «L'Unione europea in passato aveva molti meriti, ma ora è disfunzionale, ha bisogno di riforme. Il Parlamento europeo non ha alcun potere, le decisioni sono prese dai commissari. E se si guarda a chi siede nelle commissioni, si trova un politico circondato da sette lobbisti. Indovina chi prende le decisioni?».

E ancora: «La nostra visione per l'Europa si ispira al modello svizzero di democrazia diretta. Siamo favorevoli a un referendum consultivo sull'euro. Potrebbe essere una buona idea avere due euro, per due regioni economiche più omogenee. Uno per l'Europa settentrionale e uno per l'Europa meridionale».

Non manca una parola sul tema dei migranti, altro fronte caldo con Salvini: «I flussi migratori devono essere controllati. Dobbiamo sapere chi entra in Italia. Il problema non dovrebbe essere lasciato a gruppi non governativi sovradimensionati». E alla domanda su cosa pensi del Presidente russo Vladimir Putin, Grillo sposa ancora la linea Salvini: «E’ certamente una persona che ha idee chiare. Non temo affatto Putin. La Russia vuole fare commercio, non la guerra. L'antiputinismo ci costa miliardi in sanzioni».
Mercoledì 16 Maggio 2018, 10:17 - Ultimo aggiornamento: 16-05-2018 15:04
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 6 commenti presenti
2018-05-16 17:24:31
Non c'era bisogno che lo diceva Grillo che il Presidente Putin deve ritornare a trattare con l'Italia, ma il bello è che se l'Italia deve stracciare il contratto ed uscire fuori dall'Unione Europea allora dovrebbe stracciare anche il contratta tra Italia e USA che sono nostri alleati solo sulla carta ma poi quanto oggi siamo invasi da milioni di cittadini extracomunitari senza averne diritto di stare qui, ecco a cosa serve la loro alleanza se non riescono a liberate e proteggere le nostre coste.
2018-05-16 16:51:32
comico o politico a tempo pieno è la stessa cosa!!! in linea con i due governanti!!! staffetta anche dell'euro!!! una battuta così divertente non gli è mai venuta quando calcava i palcoscenici!!! ecco una cosa bisogna riconoscere ai grillesi che hanno portato in politica una ventata di divertimento!!!!!
2018-05-16 16:42:00
L'intervista di Grillo bisogna leggerla tutta, dice anche cose di buon senso. Sull'immigrazione con flussi controllati e gestiti, non come negli ultimi 5 anni. Con la revisione delle sanzioni a Putin che ci sono costate miliardi. Con la revisione dell'Europa che oggi non funziona, è troppo burocratica e priva di anima politica.
2018-05-16 15:49:32
Quanti commenti idioti mi tocca leggere Meno male che il socialusmo e morto e che la sinistra ha un piede nella fossa. Avanti così
2018-05-16 11:36:25
...cioè, il grillesco ci sta dicendo che dobbiamo uscire fuori dall'Alleanza Atlantica (NATO) per favorire la Russia di Putin... e questi vorrebbero governare l'Italia??? Solo un dato per farvi vedere quanto sono imbelli e dannosi: L'Italia esporta verso Gli Stati Uniti per 37 miliardi $, verso la Russia esporta per 6,7 miliardi $... quindi dovremmo togliere le sanzioni alla Russia per poi essere boicottati negli scambi commerciali dagli USA e dell'Unione Europea solidale alla politica USA per collassare definitivamente? Ecco perché non ne usciremo mai, se vi fate soggiogare dagli incantatori di serpenti nelle campagne elettorali. Al di là delle ideologie, delle "impossibili" convenienze, sarebbe opportuno documentarsi se una promessa elettorale è una fanfaluca o parte di essa... come guardare negli occhi di chi vorreste votare, la faccia pulita, la superiorità morale, la dialettica e la presunta bellezza non serve a nulla se non si è capaci di governare in positivo un Paese... si rischierebbe che quegli onesti governanti incapaci, alla fine dovranno portare i libri contabili in tribunale per fallimento totale... Povera Italia... se lo sarà ancora. Forza Napoli sempre con Sarri e Sanè.

QUICKMAP