Centrodestra, Berlusconi in pressing: governo M5S-Lega è una minaccia

di Daniele Regno

«A Sofia sarà difficile che Berlusconi rimarrà in silenzio. E se parla certamente userà parole di fuoco contro tutti i populismi...». Così una fonte molto vicina al Cavaliere alla vigilia del vertice di oggi a Sofia, dove il Cavaliere, parteciperà alla riunione dei leader del Ppe, alla sua prima uscita pubblica dopo la riabilitazione del Tribunale di Milano. Un intervento che potrebbe essere molto critico nei confronti dei Cinque Stelle e che quindi punta a mettere in difficoltà la Lega e rilanciare il pressing azzurro delle ultime ore su Matteo Salvini. L'obiettivo è convincerlo a gettare la spugna nel dialogo con il M5s, mettendolo davanti al rischio che un eventuale governo rachitico e debolissimo, che potrebbe implodere in pochi mesi, rappresenterebbe una minaccia non solo per il Carroccio ma per l'intero centrodestra.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Mercoledì 16 Maggio 2018, 07:00 - Ultimo aggiornamento: 16-05-2018 07:00
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP