Manovra, il gelo della Lega. E Conte convoca un vertice bis

ARTICOLI CORRELATI
di Marco Conti

0
  • 79
Sostiene di essere accerchiato, ma soprattutto solo. L'unico a difendere ieri a spada tratta Def, manovra e ad ipotizzare complotti. Un «m'hanno rimasto solo», per dirla alla Vittorio Gassman, che fa di Luigi Di Maio il frontman di una battaglia che in pochi giorni ha visto dileguarsi tutti gli inquilini di palazzo Chigi, e non solo.

Sparito il premier Giuseppe Conte che domani tornerà nella sua università di Firenze anche se nel pomeriggio ospiterà a palazzo Chigi vice e ministri per definire meglio le misure annunciate e le coperture. Un'assenza dalla prima linea, quella del premier, che stride non tanto con il ruolo, quanto con l'attesa che «l'avvocato del popolo» possa attuare mediazioni che non siano la somma delle posizioni, ma una sintesi.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Lunedì 8 Ottobre 2018, 07:00 - Ultimo aggiornamento: 08-10-2018 09:36
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP