Banca Etruria, Boschi contrattacca: «L'obiettivo è il Pd, querelerò De Bortoli»

Boschi (lapresse)
ARTICOLI CORRELATI
«Chi ha sbagliato ad Arezzo ha pagato e pagherà. Spero che accada anche altrove. Ma se vogliamo difendere i cittadini che hanno perso i risparmi da Ferrara a Vicenza, nelle Marche come in Toscana, dobbiamo verificare le vere responsabilità. Noi siamo interessati agli atti, non alle strumentalizzazioni. Qualcuno usa questa vicenda da due anni per attaccare me e il PD. Io penso che sarebbe più giusto fare chiarezza sugli errori fatti da tanti per non sbagliare più». Lo scrive su Facebook il ministro Maria Elena Boschi.

«Torno di nuovo sulla vicenda Banca Etruria. Mi scuserete ma credo sia necessario. Ripeto ciò che ho sempre detto: il fatto che mio padre sia stato per qualche mese vicepresidente della Banca non ha impedito al nostro governo di commissariarlo, come avremmo fatto con chiunque altro si fosse trovato in analoga situazione. La legge è uguale per tutti. Altro che conflitto di interessi: noi - prosegue Boschi - abbiamo mandato a casa quel CdA. La verità è semplice: se mio padre ha commesso reati ne risponderà come privato cittadino. Con tutti i doveri e tutte le garanzie previste dalla legge. Al momento non è neanche rinviato a giudizio. Ma comunque è una sua vicenda personale, certo non del PD. La legge è uguale per tutti
».

«Dal punto di vista politico il nostro comportamento è stato ineccepibile. Nessuno può negare questi due fatti: noi abbiamo commissariato e noi abbiamo lottato contro il sistema sbagliato delle vecchie banche popolari. Si utilizza la vicenda Banca Etruria per mettere in secondo piano le vere vicende, complicate, del sistema bancario italiano. Onestà intellettuale vorrebbe che si riconoscesse che questo atteggiamento è sbagliato e segue l'obiettivo della polemica politica, non della tutela dei risparmiatori. Chi ha sbagliato ad Arezzo ha pagato e pagherà. Spero che accada anche altrove. Ma se vogliamo difendere i cittadini che hanno perso i risparmi da Ferrara a Vicenza, nelle Marche come in Toscana, dobbiamo verificare le vere responsabilità. Noi siamo interessati agli atti, non alle strumentalizzazioni. Qualcuno usa questa vicenda da due anni per attaccare me e il PD. Io penso che sarebbe più giusto fare chiarezza sugli errori fatti da tanti per non sbagliare più. Esiste poi un lato più personale: ho firmato oggi il mandato per l'azione civile di risarcimento danni nei confronti del dottor Ferruccio de Bortoli. A breve - aggiunge Boschi - procederò anche nei confronti di altri giornalisti. Mi spiace dover adire le vie legali contro alcuni giornalisti, non lo avevo mai fatto prima. Nemmeno in presenza di affermazioni evidentemente diffamatorie. Ma credo che sia ormai necessario farlo perché sulla verità dei fatti si pronunci un tribunale in nome della legge. Perché la legge è uguale per tutti, davvero. Vi terrò informati, passo dopo passo».
Lunedì 4 Dicembre 2017, 19:14 - Ultimo aggiornamento: 05-12-2017 22:08
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
4 di 4 commenti presenti
2017-12-05 10:45:54
@atem una piccola precisazione: la Boschi non è "ministro" ma "sottosegretario"
2017-12-04 20:04:47
E' una vergogna che, questa donna, sia ancora al governo dopo tutte le magagne del suo papà...c'è un conflitto di interessi grande come un palazzo, vergogna!!! Intanto chi ci rimette sono solo i risparmiatori che hanno perso tutti i loro averi. Renzi dovrebbe invece chiedere scusa agli italiani quando disse che potevano tranquillamente depositare i loro risparmi in MPS (perchè a suo dire era una banca SICURA) , quando poi invece sono stati derubati!
2017-12-04 19:53:16
e brava la boschi! ha aspettato che il papà rientrasse nell'ambito del 197 c.p.p. !(ma che crede che solo lei conosce il codice, signora ministra?) . ps. perchè "azione civile" e non querela?
2017-12-04 19:48:19
Che strano, oggi dal Nazareno non si sente volare una mosca. Il procuratore Rossi, ex consulente di Renzi, interrogato dalla commissione parlamentare, ha tentato in tutti i modi di scagionare babbo Boschi che ora si scopre indagato dai pm aretini! E lui si era dimenticato di dirlo!

QUICKMAP