Elezioni, salta accordo Bonino-Pd. I dem: «Sostegno per raccolta firme»

ARTICOLI CORRELATI
3
  • 96
Con l'arrivo del nuovo anno, parte la corsa verso il 4 marzo. Tuttavia, la data del voto è l'unica certezza in un panorama politico pieno di incognite. Archiviata la diciassettesima legislatura, ormai le forze politiche sono pronte a lanciarsi nella campagna elettorale il cui esito appare decisamente incerto, a partire dal fatto che si voterà con una nuova legge elettorale, il controverso Rosatellum bis. Non è nemmeno chiaro, al momento, se ci sarà un election day, o se i cittadini di Lazio, Lombardia, Molise e Friuli Venezia-Giulia sceglieranno i loro governatori nei mesi successivi.

Ad ogni modo, l'incertezza più evidente riguarda gli effetti della nuova legge elettorale: sin dalla sua approvazione, tanti osservatori fecero notare che un sistema per due terzi proporzionale e solo un terzo maggioritario, senza il voto disgiunto, rischia di non produrre maggioranze chiare. Tanto che c'è chi preannuncia uno scenario 'spagnolò, ovvero un repentino ritorno alle urne, magari a giugno. Anche se è difficile che i neo-parlamentari vogliano con leggerezza correre il rischio di perdere un seggio appena conquistato.

Il Pd, dato negli ultimi tempi in calo nei sondaggi, spera in una grande ripresa, facendo leva soprattutto sui risultati degli ultimi governi. I dem affidano le loro speranze di rilancio alla tenuta dell'elettorato vicino al segretario Matteo Renzi e, forse spinti dalle parole di Mattarella, sembrano puntare decisamente sulla lotta alla disoccupazione. L'obiettivo è semplice: avvicinarsi più possibile alla fatidica quota 40%, sostenendo che quello al Pd è l'unico voto utile per battere i populismo del centrodestra e quello di Grillo. Ma intanto a sinistra sono in corso grandi manovre per costruire l'intesa con +Europa. La Bonino e i suoi compagni di viaggio oggi hanno lanciato il grido di allarme: siamo costretti a correre da soli. «Al momento è l'unica via», hanno spiegato i promotori lanciando, in settimana, la raccolta firme e puntando il dito contro il Viminale accusato di «interpretazione surreale della legge elettorale». Ma in serata è intervento il vicesegretario del Pd Maurizio Martina per lanciare una ciambella di salvataggio che conferma l'interesse dei Dem a non perdere i voti della galassia Bonino.

«Per il Pd le porte della collaborazione con la lista +Europa sono sempre aperte e siamo pronti anche alla leale collaborazione organizzativa, garantendo il nostro lavoro per la raccolta delle firme necessarie per ogni circoscrizione». Solo il voto dirà poi se la lista "ulivista" di Riccardo Nencini e Angelo Bonelli riuscirà a frenare il flusso verso Liberi e Uguali, che punta a un risultato a due cifre. Intanto Berlusconi è tornato ad attaccare l'Euro che, a suo avviso, fatto entrare «con quelle modalità e a quei valori improvvidamente accettati da Prodi, ha dimezzato i redditi e i risparmi degli italiani». E si intuisce che il Cavaliere non vuole lasciare l'intero voto di protesta a Matteo Salvini. Il leader della Lega non chiude a alleanze ma chiede «coerenza e serietà. Altrimenti, se mettiamo insieme l'Arca di Noé, poi è difficile fare le riforme che vogliamo».

Si attende poi di capire dove si indirizzerà maggiormente il voto moderato, nel testa a testa tra «Civica e Popolare», la lista alleata al Pd guidata da Beatrice Lorenzin e Pierferdinando Casini, e «Noi con l'Italia», la cosiddetta 'quarta gambà moderata del centrodestra. A tutto gas si muovono i M5s, movimento che si presenterà da solo e, secondo tutti i sondaggi, può diventare tra 61 giorni la prima forza politica italiana. Risolto il problema della leadership, ormai nelle mani del vicepresidente della Camera Luigi Di Maio, i pentastellati sono alle prese con la questione Grillo: proprio in contemporanea con il messaggio di Sergio Mattarella, nel suo 'controdiscorsò, ha annunciato che il suo blog non sarà più quello del movimento. Al voto il M5s va con nuove regole, tra queste l'apertura ai candidati della società civile, alla multa di 100 mila euro per chi cambia casacca.
Lunedì 1 Gennaio 2018, 20:34 - Ultimo aggiornamento: 02-01-2018 17:26
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
3 di 3 commenti presenti
2018-01-02 19:00:01
grande donna e grande politico, ad avercene, altro che comici da strapazzo e spot di strillatori di "va dove ti porta il ...vento"......
2018-01-02 18:33:08
Troppi movimenti politici, troppi nullafacenti che satano da un banco all'altro pur di proteggere le loro poltrone, . Queste condizioni, condannano l'Italia ad essere sempre privata da una rappresentaza seria e coerente che prenda veramente a cuore i problemi del nostro paese e che si presti a risolverli. Non capisco perche' l'Italia e' l'unico paese al mondo dove si contendono il potere decine di partiti. Non ne bastano due o al massimo tre?
2018-01-02 02:08:15
La Papessa Bonino è colei che prima ha sponsorizzato l'aborto poi è andata in giro a dire che servono milioni di immigrati per il calo delle nascite.Invece di nascondersi è ancora in giro ed è riuscita a farsi sdoganare dal solidale Bergoglio che o dimentica o fa finta di ignorare il suo passato. I radicali sono riusciti a far passare per progressiste le leggi sull'aborto. Con la legge sul divorzio hanno minato le fondamenta della società con tante separazioni frivole e ex mariti che dormono in macchina.Con le leggi sui minori è oramai impossibile educare la gioventù che rimane preda di scrittori da strapazzo che da un lato fanno i moralisti;dall'altro esaltano le cosiddette paranze giovanili,nuovi eroi che a 14,15 anni protetti anche dalla legge , si sentono in diritto di poter far tuttto.E la chiesa di Bergoglio ha preso sotto la sua ala protettrice questa gente scendendo da una visione millenaria degli eventi a una visione quasi da campagna elettorale.Amen.

QUICKMAP