Dai robot agli animali, le Olimpiadi delle gaffe nella campagna elettorale delle boutade

di Pietro Treccagnoli

4
  • 26
Hanno ancora tre settimane a disposizione per battere tutti i record del lancio della boutade quasi fossero alle Olimpiadi e non alle elezioni. I candidati e i leader di questa campagna d'inverno stanno dando il loro meglio sia nel tiro allo strafalcione sia nello slalom delle promesse. Roba che, al netto delle gaffe, nei tour de force elettorale ormai entra di diritto. Ovviamente il podio se lo contendono in pochi. Primeggiano il capo della Lega, Matteo Salvini (con il suo seguito di lumbard), e quello dei CinqueStelle, l'impagabile Luigi Di Maio che in quanto a creatività tiene testa a tutti. Poi c'è il teatrino delle stoccate, dei rimbrotti, delle bacchettate sulle dichiarazioni e nessuno si trattiene. Ma è un canovaccio classico delle corse al seggio.

Salvini uber alles, comunque. L'uscita più recente, prima di andarsi a sedere ieri sera nella platea dell'Ariston di Sanremo ha tirato in ballo l'Islam che, sentendosi un giurista, ha definito anticostituzionale: «La questione culturale di fondo è se l'Islam, l'applicazione letterale del dettato di Maometto, è oggi compatibile con i nostri valori, con la nostra libertà e la nostra Costituzione. Ho fortissimi dubbi». Il corollario è stata la richiesta di chiudere tutte le moschee del Paese. Un'altra proposta è il ritorno della leva obbligatoria. Entrambe le uscite sono state bocciate dall'alleato-rivale, l'ex-Cavaliere Silvio Berlusconi. Ma Salvini non s'è arreso e su Twitter ha ribadito: «L'Islam non è solo una religione, è una legge. Io non voglio dare spazio in Italia a chi pensa che la donna valga meno dell'uomo». Tra le ultime proposte del capo padano va registrata pure la tassa sui robot, ispirata ai brevettati e paventati braccialetti elettronici di Amazon. In ogni caso, i migranti sono i grandi ispiratori per le sparate del Carroccio. Il candidato alla presidenza della Lombardia, Attilio Fontana, andrà come andrà, s'è già guadagnato un posto nel gotha dei seminatori di discordia per l'infelice uscita sulla «razza bianca» in pericolo per l'invasione africana. Ricordate? Se l'è cavata con uno scappellotto e con accurate disamine della Costituzione (è una fissa) che usa (e quindi sdoganerebbe) la parola «razza».

In questa campagna elettorale invisibile che preferisce le autostrade digitali alle strade reali, riducendo al minimo l'affissione di manifesti (e meno male), ci si può lanciare impuniti negli annunci più immaginifici. Tanto promessa e smentita si sommano e si annullano nello spazio di qualche bit. I CinqueStelle, figli di una piattaforma minore, sono quelli più allenati. E Di Maio che li guida non perde occasioni per farci sognare un Paese dei Balocchi. Per ingraziarsi il mondo dei coltivatori diretti, a Cavriago, in Emilia, ha proposto un ministero del Cibo (solo a sentirlo fa molto Indocina postcoloniale) che dovrebbe accorpare quello dell'Agricoltura e quello dello Sviluppo economico.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Sabato 10 Febbraio 2018, 09:31 - Ultimo aggiornamento: 10-02-2018 13:51
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
4 di 4 commenti presenti
2018-02-10 19:47:18
Noi Cittadini Italiani all estero , in Italia abbiamo soltanto 90 giorni di sanita' gratis , io non capisco questo dopo I 90 giorni scaduti cambiera' il colore della mia pelle" non sono piu' italiana? io sono italiana anche dopo sei mesi un anno etc perche' hanno messo questo limite di soli 90 giorni? quando per chiedere una visita devi aspettare 6 mesi e forse anche un anno? certe leggi italiane sono non sense e stupide chi imbecille ha deciso che noi italiani all estero se veniamo in italia e ci succede un malore possiamo avere un ricovero per soli 90 giorni? e poi c'e' un altra cosa tutti loro parlano di economia del paese ma a noi Italiani all estero e molti sono del Sud, perche' non offrono disconti aerei cosi porteremo in italia un po' di bigliettoni Verdi Americani? dal Texas in italia un biglietto aereo in economy class costa dai 1400 dollari ai 1800 dollari dipende dalle stagioni non e' un po' caro?, almeno una volta all anno offrite aerei speciali per noi infondo ci siamo tolti dalle palle, Io non capisco come cittadina Italiana cosa ricevo ? perche' noi all estero dobbiamo votare anche per voi in italia e cosa fate per noi all estero? fate anche un consolato a Dallas che c'e' uan grossa comunita' di italiani perche debbo andare a Houston 4 ore di viaggio ? io non vivo in un villaggio! Siete mai stati all ambasciata di Houston? e' una gabbia con sedie sporche vecchie and outdated , con impiegati dalla faccia triste. Noi Cittadini italiani all estero siamo una grande Comunita' che crede ancora nel pattriottismo della patria cosa che e' sfumato in italia dagli anni 70, Perche' vogliono anche il mio voto? che benefici avro' io tornando in italia? la situazione e' sempre la stessa se non peggiorata negli ultimi decenni, se qualcuno e' informato del programma per l estero me lo dica io qui non ho trovato ancora nulla ci sono I candidati italiani ed italo Americani ma alla fine noi qui in USA cosa ne beneficiamo? ci date unlimited sanita' e cure mediche in italia? ci offrite disconti aerei? etc etc ???? cosa volete da noi?
2018-02-10 10:52:21
ci stanno borbandando di telefonate sui cellular qui in Texas come hanno fatto ad avere I numeri telefonici del cell? hanno violato la privacy e qui in Texas e' un reato. In tutte le elezioni passate io non avevo mai ricevuto telefonate di politici Italiani sul cell, adesso cosa e' una nuova moda Italiana? Informero' di questo evento l ambasciata Italiana Lunedi' Disgustata in Texas
2018-02-10 12:01:55
Non credi sia stata proprio l'ambasciata ad aver passato il tuo, come degli altri, numero di telefono?
2018-02-10 09:43:25
Ormai da decenni la politica è preda di avventurieri e parassiti. Il grande Eduardo diceva "addà passà a nuttata". Ma mi sa che la notte sia ancora lunghissima e non s'intravede minimamente la luce dell'alba.

QUICKMAP