Di Maio: «Incontrerò i capi dei gilet gialli, anche Drouet»

«Sto creando un gruppo parlamentare a livello europeo alternativo a destra e sinistra e sto coinvolgendo tutti quei movimenti che credono nella democrazia diretta. Quelli con cui sto parlando non sono i violenti. Nei prossimi giorni incontrerò vari capi dei gilet gialli e anche Drouet ha detto di essere disponibile». Lo ha detto il vicepremier Luigi Di Maio ai microfoni di Radio Anch'io su Rai Radio1. «Queste persone, se fanno delle manifestazioni possono avere degli accertamenti delle forze dell'ordine», ha aggiunto.

«Sto creando un gruppo parlamentare a livello europeo alternativo a destra e sinistra - ha detto di Maio secondo quanto si legge in una nota di Radio anch'io - e sto coinvolgendo tutti quei movimenti che credono nella democrazia diretta. Quelli con cui sto parlando non sono i violenti». «Andate a vedere - dice - le rivendicazioni dei gilet gialli. Non stiamo parlando con i violenti. Gli stessi gilet gialli condannano le violenze. Le rivendicazioni dei gilet gialli in Italia sono nella legge di Bilancio che abbiamo appena approvato, in Francia devono scendere in piazza». Con Drouet ci sarà un incontro tra la settimana prossima o l'altra. «In questo momento - continua - si sta facendo passare questa gente come Jack lo squartatore. Stanno facendo manifestazioni è ovvio che possono avere degli accertamenti dalle forze dell'ordine. In questo momento a livello europeo i movimenti violenti non sono miei alleati. L'obiettivo è creare un gruppo che voglia fare »cose di buon senso. C'è il 26 maggio una grande occasione - conclude - mandare a casa la vecchia nomenclatura. Al centro del manifesto che stiamo creando ci sono più lavoro, più welfare e aiuti alle imprese. Lo presenteremo a Roma molto presto«
Giovedì 10 Gennaio 2019, 10:42 - Ultimo aggiornamento: 10-01-2019 21:45
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2019-01-11 08:19:37
Di Maio visto che in Italia sta perdendo consensi va a sfrugugliare in Francia ma dovrebbe capire che è una trasferta a rischio. Riguardo alla democrazia diretta qualcuno dovrebbe spiegargli che con le necessità del popolo non c'entra nulla perchè sarebbe solo una specie di dittatura ossia il volere di un partito maggioritario. Le cose peggiori in nome della religione sono state fatte sull'onda : DIO LO VUOLE. E' solo un metodo per scaricarsi delle responsabilità di governo: lo ha voluto il popolo!! io applico quello che vuole il popolo per cui non ho nessuna responsabilità.

QUICKMAP