Biotestamento, i Radicali: subito l'esame in commissione al Senato

«Dopo l'impegno pubblico della presidente De Biasi per arrivare a una decisione sul testamento biologico, a questo punto mi aspetto una immediata trattazione in commissione come primo punto e discussione a oltranza con sedute notturne». Marco Cappato, tesoriere dell'Associazione Luca Coscioni risponde a stretto giro a Emilia De Biasi, presidente della commissione Igiene e Sanità del Senato, che nel week end ha risposto su twitter alla lettera scritta dell'Associazione, Radicali Italiani, Associazione radicale Certi Diritti, Uaar e Exit Italia affermando: «Gli impegni presi saranno mantenuti. Io farò la mia parte».

Cappato ricorda che per lunedì sono attesi i calendari delle Commissioni parlamentari, e indica che come alternativa la presidente può inviare il testo direttamente in Aula, come le hanno chiesto le organizzazioni attive sul fine vita nella loro lettera aperta e come lei stessa aveva proposto. «Lasciare passare altri giorni senza agire - commenta - sarebbe un regalo ai protagonisti dell'ostruzionismo parlamentare». Cappato sottolinea anche di avere chiesto il giudizio immediato nell'ambito del processo sulla morte di Dj Fabo, in cui è coinvolto, saltando un passaggio dell'iter processuale con l'obiettivo di «far crescere la consapevolezza dell'importanza del tema e fare chiarezza sul piano giuridico, con la speranza di aiutare a sbloccare il Parlamento dagli ostruzionismi sul testamento biologico».
Lunedì 11 Settembre 2017, 15:49 - Ultimo aggiornamento: 11-09-2017 15:55
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP