Berlusconi: neo-responsabili 5 Stelle pronti a un gruppo col centrodestra

Non li chiama più «responsabili», alla vecchia maniera. All'epoca del governo gialloverde, preferisce inaugurare l'espressione «gruppo autonomo». La differenza, però, è tutta lessicale. Il piano Silvio Berlusconi ce l'ha in testa da un po' e anche per questo da qualche settimana gli è tornata la voglia di farsi vedere a Roma.

E l'occasione propizia per spiegare come pensa di raccogliere i voti mancanti è la presentazione del nuovo libro di Bruno Vespa, Rivoluzione. Intervistato dal direttore del Messaggero, Virman Cusenza, e dal vice direttore del Corriere della Sera, Antonio Polito, il presidente azzurro mostra di cominciare a credere nella caduta dell'esecutivo M5S-Lega. Ne vede gli scricchiolii anche nella «marcia indietro» di Giuseppe Conte sulla manovra in Ue. «Una buffonata assoluta», dice. Di positivo c'è l'aver evitato la procedura di infrazione, ma per l'ex premier da cambiare non c'è solo la legge di bilancio ma «tutto il governo, fatto da incapaci».

Più che nuove elezioni politiche, però, Berlusconi intravede all'orizzonte la nascita di un esecutivo di centrodestra. È sicuro di sapere da dove arriveranno i voti necessari: dalle fila pentastellate. «Non conosciamo i nomi ma conosciamo i discorsi tra esponenti dei M5s e i nostri senatori per creare un gruppo autonomo di responsabili per dar vita a un nuovo governo».

PERCORSI DIVERSI
Percorsi diversi da quelli dell'ex, Matteo Dall'Osso, appena approdato in Forza Italia, «quella - sottolinea - era una questione personale». Il capogruppo M5s, Francesco D'Uva, insorge: «I nostri portavoce fanno politica per rispettare la fiducia degli elettori e migliorare la vita degli italiani».

Guai a parlare, come ha fatto Beppe Grillo, di shopping. Anche perché, spiega Berlusconi, i responsabili 2.0, di fatto, si pagano da soli. Ecco l'identikit: parlamentari che non sarebbero ricandidati perché già al secondo mandato, che preferiscono continuare a prendere lo stipendio per altri quattro anni e, magari, senza dover nemmeno essere costretti alla restituzione imposta dai grillini. Un progetto molto simile a quello proposto a Mattarella agli albori di questa legislatura e che il presidente della Repubblica stoppò, con un cristallino «dovete portarmi i nomi».
A guidare l'esecutivo di centrodestra con gli (ex) grillini sarebbe Matteo Salvini. A cui l'ex premier non risparmia però una stoccata. «Gli ricordo che ha stipulato un contratto privato con il M5S ma anche uno pubblico con milioni di elettori che hanno votato la Lega in considerazione del programma con cui si è presentata alle elezioni».

Se in virtù di tutto ciò Berlusconi ritiene poco probabili nuove elezioni politiche, all'orizzonte c'è però la consultazione europea. La decisione non è ancora definitiva, «anche se ho molte pressioni, soprattutto di Tajani». Adesso, però, il leader azzurro definisce «molto probabile» una sua candidatura. «Penso di correre in tutti i collegi, magari seguito da una candidata donna». I sondaggi, assicura, dicono che la sua presenza in campo vale «tra il 3 e l'8% in più per Forza Italia». Si profila, dunque, una sfida all'ultima preferenza con il leader della Lega. Ma Berlusconi scrolla le spalle. «Ho ottenuto nella mia vita politica oltre 200 milioni di voti, a Salvini non ci penso». Insomma, in campo c'è sempre e ancora lui: «Non è vero che io non abbia mai scelto un delfino. La verità è che tutti i delfini che si sono presentati si sono rivelati tutti delle sardine...».
B.A.
 
Giovedì 13 Dicembre 2018, 09:21 - Ultimo aggiornamento: 13-12-2018 18:19
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 14 commenti presenti
2018-12-14 12:56:18
Questi al governo la prima cosa che dovevano fare era cambiare la legge elettorale :eliminare la possibilità di coalizioni,diminuire il numero dei deputati,mettere una soglia per essere eletti e cosa più importante,visto che non ci è data la possibilità di eleggere la persona più gradita,eliminare la possibilità di cambiare casacca anche perché se non si gradisce la linea del partito o movimento si può anche dare le dimissioni considerato che fare il deputato non l'ha ordinato il medico
2018-12-14 12:42:10
Perde il pelo ma non il vizio,ormai non ha più niente da perdere speriamo duri poco.
2018-12-13 17:51:50
Il pregiudicato è sceso a Roma per l'acquisto di nuovi pastorelli da mettere sul suo presepe Fi.
2018-12-13 16:12:57
Per prima cosa stamani mi sono svegliato nel paese di Alice;visto che c'è qualcuno che asserisce che la lega ladrona non abbia mai governato, poi mi sono rinquorato leggendo che lo stesso (lettore) non fa piu politica......aggiungo meno male !!!!
2018-12-13 14:41:12
che plastic man ormai è completamente fuori lo dimostra che cerca fra i grillesi i neo responsabili!!!! ci sono mai stati responsabili tra i grillesi????

QUICKMAP